Mazzarella Press Office

EMP 1

sabato 6 febbraio 2016

MASTERDOM - Intervista alla Band


Siete appena usciti sul mercato discografico con un nuovo album in studio, potete presentarlo ai nostri lettori?

Salve a tutti, il nostro disco "Schizophrenia" è un mix di sonorità che spaziano tra l'Heavy Metal di stampo classico e l'Hard 'n Heavy anni '80...con influenze Speed e Progressive. Otto tracce tra cui una cantata in italiano, e in chiusura una cover in versione metal di "El Diablo" dei Litfiba.

Come è nata la vostra band e quali sono le vostre origini?

I MasterdoM sono nati nel 2005, inizialmente il nostro genere era Power Metal, ma col tempo il sound si è spostato a quello che è oggi. Tra il 2006 e il 2010 abbiamo inciso tre Demo, "Angelic Riot", "The Metal Goddess" e "Wings Of Freedom". In questi anni ci sono stati vari cambi di line-up, ma due anni fa con l'abbandono del nostro tastierista c'è stato un vero e proprio taglio alle parti sinfoniche... avendo deciso di continuare la nostra strada senza un nuovo tastierista. Ovviamente questa decisione ha portato il sound MasterdoM ad essere più duro e graffiante.

Come è nato invece il nome della band?

La ricerca del nome della band non è stata facile, è stato il nostro chitarrista ritmico Thomas a trovare il nome "MasterdoM", si riferisce alle parole "signoria", "padronanza", "dominio"...la parola MasterdoM è presente anche nel "Macbeth" di Shakespeare.

Ci sono delle tematiche particolari che trattate nei vostri testi o vi ispirate alla quotidianità in genere? Che peso hanno di conseguenza i testi nella vostra musica?

Non abbiamo proprio delle tematiche fisse, diciamo che si spazia da testi epici come ad esempio "MasterdoM","Never" e "Glory In The Night" a testi di vario genere. Al momento abbiamo scritto solo testi di pura fantasia, però in cantiere abbiamo già materiale con tematiche nuove che non abbiamo mai trattato, come ad esempio situazioni realmente accadute riprese nella storia.

Quali sono gli elementi della vostra musica che possono incuriosire un vostro potenziale ascoltatore e quali sono quindi le qualità principali del vostro nuovo album?

Non ci piace fissarci su una sonorità specifica e rischiare che tutte le canzoni si assomigliano. In questi anni abbiamo cercato di dare ad ogni canzone una venatura diversa, comunque tutto inerente al metal ottantiano, possiamo dire che un appassionato di quello stile potrà apprezzare in nostro disco.  

Come nasce un vostro pezzo?

Non seguiamo una vera e propria logica, generalmente partiamo da vari riff di chitarra, e dopo averli elaborati aggiungiamo gli altri strumenti. Ma è già successo che per alcune canzoni abbiamo scritto prima le parole...deciso come doveva essere cantato il pezzo e successivamente abbiamo scritto la base.

Quale è il brano di questo nuovo disco al quale vi sentite particolarmente legati sia da un punto di vista tecnico che emozionale?

Senza dubbio Schizophrenia... infatti l'abbiamo scelta come title track del disco. Un testo dal significato "pesante",chitarre potenti e strofe cantante in screaming che danno proprio la sensazione di "malato". A nostro gusto una canzone ben riuscita da tutti i punti di vista...sia emotivi che tecnici.  

Quali band hanno influenzato maggiormente il vostro sound?

Ci sono molti gruppi che ci piacciono, in primis Iron Maiden e Manowar...ci hanno dato molta ispirazione nella stesura della nostra musica. Soprattutto album storici come "The Number of the Beast" e più  moderni "Brave New World" per gli Iron... e "Kings of Metal", "Louder Than Hell" e "Hail to England" per la band di Joey DeMaio. Ma vogliamo citare altre band a noi care come Judas Priest, Iced Earth e i Motörhead del compianto Lemmy Kilmister. 

Quali sono le vostre mosse future? Potete anticiparci qualcosa? Come pensate di promuovere il vostro ultimo album, ci sarà un tour con delle date live?

Adesso siamo concentrati sulla promozione del CD, per quanto riguarda le date live con il nuovo album ci sono già state, e ce ne saranno sicuramente in futuro. Il prossimo traguardo da raggiungere è la registrazione del nostro primo videoclip, con una canzone estratta dal nostro disco "Schizophrenia". Una mossa da fare per forza per promuovere la nostra musica e la band.

E' in programma l'uscita di un album dal vivo o magari di un DVD?

C'è ancora molta strada da fare comunque non si sà mai nella vita, intanto il nostro primo disco è stato fatto, noi cercheremo sempre di andare avanti e fare sempre di più, e forse alla fine arriverà anche l'album da vivo e il DVD targato MasterdoM.

Come giudicate la scena musicale italiana e quali problematiche riscontrate come band?

Sicuramente il nostro genere in Italia non è molto seguito, diciamo che è un genere di "nicchia", se poi entriamo nello specifico dell'underground le cose si complicano di più. Invece basta pensare al metal in generale proposto ad esempio nei paesi scandinavi e in Germania per trovare una scena metal in continua crescita e sviluppo.

Internet vi ha danneggiato o vi ha dato una mano come band?

Sinceramente a noi ci ha dato una mano...Il nostro album "Schizophrenia" è uscito sotto la label Nerocromo Music/Heart Of Steel Records di Mirko "DeFox" Galliazzo, storico cantante degli X-Hero. Etichetta discografica che lavora solo sui canali digitali. A parer nostro più facile e veloce rispetto al passato con la vendita del cd fisico in negozio. Molto importanti sono anche i social network, Facebook e Twitter i più famosi... anche grazie a loro un gruppo può avere una bella vetrina sul web. 

Il genere che suonate quanto valorizza il vostro talento di musicisti?

Non possiamo parlare di talento o meno, un musicista o una band deve suonare la musica che sente dentro. Ci deve essere impegno e dedizione allo strumento, generalmente con queste cose un musicista si sente ripagato al massimo. 

C'è un musicista con il quale vorreste collaborare un giorno?

In "Schizophrenia" non abbiamo avuto collaborazioni esterne. Solo una volta, in "The Metal Goddess", seconda nostra Demo, c'è stata la partecipazione in "The Shadow" di Chiara Luci, cantante dei Seventh Seal. Per le prossime release non si sa , vedremo che ci riserverà il futuro.

Siamo arrivati alla conclusione. Vi va di lasciare un messaggio ai nostri lettori?

Ringraziamo Giornale Metal per lo spazio che ci ha concesso, invitiamo tutti a visitate il nostro sito internet (www.masterdomband.net) e i nostri social. Il disco è disponibile su tutti i digital store e canali streaming. E nella sezione merchandising del sito potete prenotare una copia fisica, oppure a qualsiasi nostro concerto. Un saluto rock da tutti i MasterdoM. 

Maurizio Mazzarella