Mazzarella Press Office

EMP 1

martedì 11 luglio 2017

VINTERSORG - Till Fjalls Del II

Napalm
I Vintersorg stanno in piedi da ben 23 anni ormai. Dopo tutto questo lasso di tempo riescono sempre a stupire con la loro personale proposta musicale. Inizialmente votata verso un più marcato genere folk, mischiato a un certo quantitativo di black metal. Hanno sempre prodotto comunque musica di alta qualità, in tutti gli album che hanno pubblicato. Questo nuovo Till Fjalls Del II non fa eccezione. Il fatto che all’interno della band sono passati svariati musicisti, non ha cambiato minimamente il loro approccio sia ai testi che alla musica. Hanno sempre scritto di argomenti riguardanti il fantasy, la mitologia nordica, interventi cosmici e naturalistici. Dopo qualche anno di silenzio discografico tornano più in forma che mai, proponendo brani strutturalmente in linea con le loro precedenti produzioni, brani potenti, suonati con perizia e maestria. La produzione superlativa poi rende ancora più interessante l’ascolto di questo disco.

Impossibile resistere a brani come Jokelvaktaren, posto in apertura, con un riffing in puro stile black metal anni ’90, pieno zeppo di pathos, cori tanto cari al folk di matrice puramente svedese. Le voci sono ben bilanciate tra urla luciferine e parti pulite. Il cantato in lingua madre poi la fa da padrone in tutto il lavoro. Con la seconda En valdig isvidds karga drakt, i tempi si fanno leggermente più lenti e calmi, senza perdere comunque di potenza e atmosfera, anche perché i nostri sono dei maestri in quanto a creazione di gelide sinfonie. L’ascolto di questo album richiede più di un ora, cosa che in alcuni frangenti potrebbe portare l’ascoltatore a portare avanti il lettore di qualche traccia. Fermo restando che presi singolarmente i brani sono un piccolo gioiello. Probabilmente se avrebbero dato un minutaggio minore all’intero lavoro, probabilmente staremmo parlando di un ennesimo capolavoro di musica nordica. Ciò non toglie che venga consigliato a chiunque voglia avvicinarsi a questo freddo mondo dei Vintersorg, fatto tra l’altro anche di un certo tipo avant-garde metal di classe. 

Voto: 7/10

Sandro Lo Castro