Mazzarella Press Office

EMP 1

Nuclear Blast 1

Nuclear Blast 4

Athlantis

lunedì 3 luglio 2017

UNLEASH THE ARCHERS - Apex

Napalm
Arrivano direttamente dalla bella città di Vancouver (Canada) gli Unleash The Archers, band dedita ad un robusto e possente heavy metal, che spesso vira verso lidi thrash metal altamente tecnico. Capitanati da un infiammata Brittney Slayes, che non si risparmia, regalando una prova superlativa dietro il microfono. Allora, quando la bella e avvenente vocalist si mantiene su toni vocali bassi possiaamo dire che è tutto sommato nella norma come timbrica, ma quando sale di tonalità con lo screaming ha pochi rivali, da far paura. Questo nuovo lavoro dal titolo Apex non deluderà sicuramente tutti coloro che seguono la band canadese, oltretutto non sono neanche pochi, hanno un gran seguito anche al di fuori della loro terra di origine. I brani sono rocciosi, granitici, con tanto groove. Le influenze che possiamo riscontrare all’interno del disco sono svariate, si avvicinano in molti frangenti agli Arch Enemy, sopratutto in alcuni passaggi ritmici in cui le chitarre si avvicinamo molto alla band di cui sopra.

Parecchi i brani validi come l’iniziale Awakening, uno dei brani migliori dell’intero lavoro, ritmica forsennata, voce da brividi, cavalcate in pieno stile heavy la fanno da padrone. Il secondo invece si attesta su buoni livelli, si fa ascoltare piacevolmente, ma risulta un pochino monotono, resta comunque un ottima traccia, sia chiaro, ma non ha la stessa verve della precedente. Andando avanti con l’ascolto si possono scorgere altre ottime canzoni, come Cleanse The Bloodlines, brano che non vede alcun calo di tono, farcito anche da graffianti growls. Potremmo citare anche False Walls dai ritmi meno sostenuti e parecchio melodica, dove gli Unleash The Archers danno prova di non sapere solo scrivere ottimi brani veloci e pesanti, ma sono in grado di presentare brani in un certo senso più mainstream rispetto alle loro consuete bordate metal. Ovviamente ci troviamo davanti un disco suonato in modo eccezionale da musicisti con tecnica invidiabile e con molta esperienza alle spalle.Quello che rende valido questo Apex è il lavoro di squadra effettuato da ogni singolo componente della band. Album e band da tenere strettamente sott’occhio. 

Voto: 7/10

Sandro Lo Castro