Mazzarella Press Office

EMP 1

Nuclear Blast 1

Nuclear Blast 4

Athlantis

martedì 6 giugno 2017

WIND ROSE - Intervista al bassista Cristiano Bertocchi


Siete appena usciti sul mercato discografico con un nuovo album in studio, potete presentarlo ai nostri lettori?

Un saluto a tutto lo Staff, sono Cristiano Bertocchi il bassista. Il nuovo album, il terzo della nostra carriera, si intitola Stonehymn. Narra delle gesta epiche dei Nani della Stirpe di Durin (Tolkien..) e degli Indiani d'America, descrivendo battaglie e fasi più spirituali della loro cultura. Il filo comune è che ad entrambi hanno rubato la terra e per questo abbiamo deciso di accomunarli. Sicuramente questo è l'album più rappresentativo per noi, abbiamo trovato la giusta alchimia tra riff, cori e melodie. La registrazione è stata fatta per quanto riguarda le batterie agli Studi Magnitudo qui a Pisa, il resto degli strumenti sono stati registrati nel nostri studi mentre il mix e il master è stato affidato a Simone Mularoni (DGM) 


Come è nata la vostra band e quali sono le vostre origini?

La Band è nata attorno al 2009, le influenze iniziali erano più metal-progressive, come Dream Theater e Symphony X. Allora non facevo ancora parte della band ma sapevo che i ragazzi si distinguevano nella zona di Pisa per il loro talento. Decisi quindi di produrre un Demo con loro (2009) e poi il primo disco Shadows Over Lothadruin, con buoni risultati di visibilità all'interno della scena Metal italiana e straniera. Di seguito la band si è evoluta e con Wardens Of The West Wind (secondo disco) c'è stata una notevole maturazione, questo album segna anche la mia unione come bassista

Come è nato invece il nome della band?

Fondamentalmente per noi il nome Wind Rose rappresenta la libertà ed equilibrio

Ci sono delle tematiche particolari che trattate nei vostri testi o vi ispirate alla quotidianità in genere? Che peso hanno di conseguenza i testi nella vostra musica?

Come accennavo prima i nostri testi parlano di temi epici con riferimenti allo spirito combattivo e l'anima della persona. Questi ultimi possono essere due aspetti molto importanti nella quotidianità odierna, ogni giorno dobbiamo confrontarci con problematiche di ogni tipo e con una società sempre più caotica, per cui da questo punto di vista i  nostri dischi possono avere peso positivo sia sulla fantasia che nella realtà 


Quali sono gli elementi della vostra musica che possono incuriosire un vostro potenziale ascoltatore e quali sono quindi le qualità principali del vostro nuovo album?

Sicuramente siamo riusciti a creare un nostro genere musicale, per cui questa a mio avviso è la nostra qualità principale. Secondariamente abbiamo una potente miscela di muro sonoro nei riff e nei cori, il tocco melodico completa il tutto

Come nasce un vostro pezzo?

Nasce dal combo tastiere chitarra e voce. Messo sù il "grosso" del brano, Daniele ed io costruiamo la sezione ritmica dopodiché vengono fatti gli arrangiamenti finali

Quale è il brano di questo nuovo disco al quale vi sentite particolarmente legati sia da un punto di vista tecnico che emozionale?

La nostra musica è tecnica abbastanza da soddisfarci e soddisfare, è più importante per noi emozionare con parti epiche e corali. Un pezzo a cui siamo particolarmente legati è Wolve's Call che parla di un capo indiano che muore in battaglia e dice a suoi che la sua anima rivivrà continuando a guidarli e a  proteggerli

Quali band hanno influenzato maggiormente il vostro sound?

Allora, tra le nostre influenze abbiamo Turisas, Ensiferum, Wintersun e Blind Guardian per la maggiore. Il resto, che è la parte predominante, è Wind Rose!! 


Quali sono le vostre mosse future? Potete anticiparci qualcosa? Come pensate di promuovere il vostro ultimo album, ci sarà un tour con delle date live?  

Stiamo lavorando per organizzare un Tour Europeo ed extra Europeo, ma abbiamo già due grossi festival confermati per quest'estate, uno è il Masters of Rock in Repubblica Ceca e l'altro è il Bloodstock in Inghilterra. Arriveranno importanti date prossimamente per cui rimante sintonizzati

E’ in programma l’uscita di un album dal vivo o magari di un DVD?

Non in questo momento ma potrebbe esserlo prossimamente 


Come giudicate la scena musicale italiana e quali problematiche riscontrate come band?

La scena musicale italiana è piena di grandi musicisti di talento da sempre, per cui è più viva che mai. Quello che invece mi rammarica è vedere che sono poche le band che fanno musica inedita, troppe cover bands non fanno bene alla musica a mio avviso. C'è bisogno di anima, c'è bisogno di creatività, c'è bisogno di creare una scena musicale più forte e di qualità. Per quanto riguarda le problematiche di una band, le difficoltà principali che si incontrano sono quelle legate a trovare situazioni per esibirsi. In Italia abbiamo ancora questa idea che "la musica non è proprio un lavoro", ma invece lo può diventare se lavoriamo tutti al meglio delle nostre possibilità. Chiaramente anche la crisi economica fà la sua parte, non sono qui a dire che è facile 

Internet vi ha danneggiato o vi ha dato una mano come band?

Internet ha danneggiato tutti, se Napster fosse stato come ora è Spotify forse sarebbero girati più soldi nel mercato discografico, ma bisogna anche riconoscere che Youtube ha aperto le porte ad una visibilità mondiale per tutti i tipi di musicisti. Parlo personalmente, se a me un gruppo mi piace ascolto qualche brano e poi lo compro, che sia un CD fisico o formato digitale, perché riconosco il valore dell'artista e quindi contribuisco

Il genere che suonate quanto valorizza il vostro talento di musicisti?

Lo valorizza quanto basta, più del talento ci sentiamo valorizzati come persone. Sappiamo che quello che facciamo piace a noi e piace a chi ci segue, questo è quello che conta 


C’è un musicista con il quale vorreste collaborare un giorno?

Vorremo lavorare con persone in gamba, come stiamo già facendo con la nostra etichetta discografica Inner Wound. Non abbiamo particolari riferimenti a musicisti, vogliamo creare una nostra scena musicale sempre più affermata e per fare questo non deve mai mancare il lato professionale sia del musicista sia dei veicoli promozionali

Siamo arrivati alla conclusione. Vi va di lasciare un messaggio ai nostri lettori?

Si volentieri, amate sempre la musica e riceverete sempre grandi soddisfazioni

Maurizio Mazzarella