ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

lunedì 8 maggio 2017

NIGHT DEMON - Darkness Remains

SPV
Si potrebbe tranquillamente chiudere qui questa recensione! Il perché? Semplice, questi Night Demon provenienti da Ventura CA, pur essendo come band abbastanza giovane, ha tirato fuori un grandioso album di old heavy metal come non se ne sentivano da anni! Influenzato direttamente dalla gloriosa NWOBHM, in tutto e per tutto! Hanno fatto da spalla a bands che hanno fatto storia, come Diamonds Head, suonando anche in svariati festivals europei come il grande Bang Your Head. In questo nuovo e freschissimo Darkness Remains sembra sentire la storia di quella generazione sonora, riportata ai giorni nostri. Non è neanche tanto azzardato ciò che si sta scrivendo in questa recensione. L’iniziale Welcome To The Night apre in modo egregio un album che fin dalle prime note si candida ad essere dannatamente grande! Si ha come un nodo alla gola sentendo le classiche cavalcate in puro stile Angel Witch. Tutto, dalla produzione al suono, rimanda al pasato, senza risultare stantio o noioso. Anzi hanno carica da vendere. Riescono a creare quella magia che si poteva respirare ai tempi. Lo fanno poi in un modo del tutto naturale.

Le influenze ci sono e si fanno sentire parecchio. Effettivamente non risultano molto personali, ma piacciono e anche tanto! Come non sbattere su e giù la capoccia con brani come Maiden Hell, in cui tributano comunque anche la scena americana con chiari riferimenti agli Anthrax del primo album Fistful Of Metal, mischiati alla scena inglese! Life On The Run con il suo incedere epico, mostra una robusta e corposa sezione ritmica. Sandro Lo Castro Sandro Ogni brano è un piccolo gioiello di puro, sano e robusto heavy metal! Arrivano a confezionare una quasi ballad Darkness che nelle parti solistiche di chitarra richiama da vicino i grandi Mercyful Fate. I nostri non si fanno mancare davvero nulla! Sembra sentire Blitzkrieg, Saxon, Iron Maiden e tutto quello che segue in un unico mix perfetto. Dodici brani, per un lungo tuffo nel glorioso passato. Una menzione a parte va fatta alla cover dei Queen, We Will Rock You, ripresa in modo divertente e goliardico, metallizzata a dovere! Ottima cover! Album vivamente consigliato a tutti i metallers in circolazione! 

Voto: 10/10

Sandro Lo Castro