Mazzarella Press Office

EMP 1

Nuclear Blast 1

Nuclear Blast 4

Athlantis

martedì 2 maggio 2017

NEW DISORDER - Deception

Agoge
“That’s why I love you, that’s why I need you…” Parole d’amore e passione si intrecciano in un lavoro che desta grande interesse ad ogni singola nota, che merita di essere esaltato e promosso a pieni voti. Con enorme entusiasmo e orgoglio vi presento un lavoro davvero eccezionale di un band udite udite nostrana, e precisamente romana nata nel 2009; avevano già impressionato con i lavori precedenti,ma stavolta si sono davvero superati mostrando la loro infinita voglia di perfezionarsi e donare al mondo una musica qualitativamente elevata. Stiamo Parlando della band dei New Disorder, che hanno preso l’album precedente “Straight to Pain” e ne hanno vistosamente amplificato le potenzialità, gli 8 brani più belli più 2 meravigliosi inediti, c’è solo da goderne, tutte le attese non sono state deluse anzi non ci si poteva aspettare di meglio, hanno creato “Deception” una vera perla nel panorama alternative Metal mondiale. Una band capace di amalgamare a perfezione tanti generi, un songwriting da brividi, un cantante con una voce potente e trascinante, in alcuni punti la sua performance vocale è spaventosamente irresistibile, brani dove growl e scream sono intrecciati a modo, un’antitesi assoluta tra gusto melodioso tipicamente italiano e un graffiante metal, moderno ma anche old school. Tutto si sviluppa intorno ad un Alternative Metal Melodico, ma presenti anche Metalcore, progressive e sfumature di Punk, una miscela musicale che ascoltata ripetutamente può farci giungere all’estasi. Deliziamoci brano per brano: l’opener, nonché primo brano inedito che anticipa il lavoro è “Deception”, subito cattura, spalancate il cuore e le orecchie per una melodia travolgente dove l’effetto è immediato, nella seconda parte l’esecuzione pare accelerare da sottolineare l’introduzione composta da suoni New Wave e come non evidenziare la capacità della band di scrivere testi belli; il video del pezzo è stato diretto da Paul Sciò con produzione artistica di Gianmarco Bellumori, masterizzato al Wolf Recording Studio di San Cesareo (Roma).

Segue il primo brano rivisitato,la già bellissima”Love Kills Anyway” sound mozzafiato, l’apertura dona emozione ma l’atmosfera si scalda e trascinandoci la voce di Francesco Lattes ci propone un viaggio senza limiti, questo resta uno dei miei preferiti; terzo brano “Straight To Pain”, come in quasi tutta la raccolta troviamo l’uso ricorrente di Growl e Scream ma qui in primo piano abbiamo il potente basso di Ivano Adamo e una voce che non sbaglierà un solo colpo. Arriva il secondo inedito un altro di quei brani da dieci e lode, “Curtain Call”, qui si mostra in maniera evidente l’antitesi di un rock più hard espresso dal implacabile chitarra e una parte più melodiosa che si struttura attorno all’esecuzione vocale anche qui degna di lode ; abbiamo in coda “Never too Late Die” che parte già in modo aggressivo, crea una sorta di atmosfera inquietante, voci che si sovrappongono creando effetti contrastanti, il pezzo più graffiante con esecuzioni spettacolari dei chitarristi, Andrea Augeri e Alessandro Cavalli e del batterista Luca Mancini. Particolarissimo il sound di “What’s your aim?Call It insanity” con una forte impronta psicadelica create dall’insistente uso di basso e batteria smorzato dagli assoli di chitarra, qui si crea una sorta di pesantezza che a tratti scompare, la voce di Francesco camaleontica diventa un tutt’uno con cio’ che richiede l’esecuzione strumentale ed è sempre la sua voce melodiosa che incanta in “Judgment Day” dove pare cambiare l’intreccio musicale ma il risultato rimane lo stesso, spettacolare! Inizio soft per “The Beholder” che letteralmente esplode in un’energia irraggiungibile, potente la chitarra , tutto curato al dettaglio. Gli ultime due rivisitazioni sono, “Lost In London”, una semi-ballad con assolo di chitarra annesso da apprezzare in toto e “A Senseless Tragedy-Blood Streams”, che con riff taglienti chiude l’opera. La Band ha riscosso grande successo di pubblico e critica dopo aver sostenuto in precedenza un tour in Russia e Bielorussia con i “Breakdown of Sanity” ha programmato per questo album diverse date nel Nord Europa. Questi Alternative Metallers vi stupiranno confermandosi dei grandi a livello internazionale, line-up composta da cinque musicisti di notevole spessore anche per le passate esperienza ed un cantante capace di adattarsi volta per volta alle richieste musicali, un vero asso nella manica. Deception è disponibile in tutto il mondo sia in distribuzione fisica che in streaming e download; allora cosa aspettate a regalarvi minuti e minuti di preziosa e rara musica di qualità! Auguri ragazzi, un promessa musicale eccezionale mantenuta. 

Voto: 9/10  

Angelica Grippa