ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

lunedì 22 maggio 2017

MYTHRA - Still Burning

High Roller
Band che proviene direttamente dalla famosa e mai dimenticata NWOBHM! Nata in terra inglese, nel lontano 1979, ritornano sulle scene con un album, Still Burning, ancorato saldamente al passato. Sembra essere stato registrato negli anni ’80 e ristampato semplicemente oggi. Band divenuta di culto e che per svariati motivi non ha mai raccolto quanto avrebbe dovuto. Ma evidentemente non hanno mai perso l’amore verso questo genere di musica che ha fatto letteralmente storia. Al giorno d’oggi comunque troviamo questi nonnetti del metal in ottima forma, con stessa e immutata energia nel comporre brani di pregevole fattura. Dando inizio alle danze con Still Burning, l’ascoltatore viene subito catapultato indietro di almeno 35 anni! Brano che più classico non si può, richiamando proprio le gesta della famosa corrente musicale a cui è dedicato tra l’altro tutto l’album. Continuando si percepisce sempre più che per i nostri amici inglesi non è cambiato nulla, solo qualche capello in meno o bianco in più!

Sulla stessa linea troviamo A Call To All, brano che trova nel suo ritornello la parte migliore, andando a ricordare in alcuni punti anche gli Iron Maiden degli esordi, sempre con le dovute differenze ovviamente. Suonano un metal che a tratti sembra non riuscire a decollare perfettamente e a volte viene a mancare quel qualcosa in più che potrebbe davvero renderli grandi. Le carte in regola le hanno tutte. La parte da leone comunque viene fatta dai brani dove vi è un utilizzo della voce più “sporco” e rauco, mentre nei brani in cui vengono utilizzate voci pulite, il risultato è un pochino monotono e non sempre di facile assimilazione. Forse è anche questo che impedisce di fargli spiccare il volo completamente. Di tracce belle ed orecchiabili ne hanno un bel po’, questo è sicuro. Prendiamo Sands Of Time che fa la sua bella figura con tanto di solos da paura, oppure Silence In The Sirens uno dei brani migliori dell’album. Questo lavoro mette a disposizione undici composizioni, che pur non facendo gridare al miracolo, faranno sicuramente la felicità di chi è rimasto ancorato a determinate sonorità old style. 

Voto: 6,5/10

Sandro Lo Castro