ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

lunedì 22 maggio 2017

CRAZY LIXX - Ruff Justice

Frontiers
I Crazy Lixx hanno approfittato del quindicesimo anniversario della loro formazione per regalarci 10 tracce con cui tornare a immergersi nel meglio dell'hard rock anni '80. Che si tratti di cori prorompenti, riffs accattivanti, o di assoli imponenti, il loro quinto album in studio, dal sapore sleaze metal, promette faville. Il presente "Ruff Justice" è anche il primo album dei Crazy Lixx con la nuova line up che vede Chrisse Olsson e Jens Lundgren a far cantare le sei corde. Bisogna dire che questi ragazzi sanno come usare al meglio le loro doti, le stesse valorizzate dalla produzione ben curata da Danny Rexon e Chris Laney. L’introduttiva Wild Child è forse il pezzo più stradaiolo e grezzo del lotto e idealmente si ricollega al loro precedente lavoro che rispetto a questo Ruff Justice godeva appunto di una produzione più ruvida e tagliente senza quasi cromature forzate. Basta arrivare però a XIII per rendersi conto del salto di qualità che la band ha fatto con questo nuovo lavoro, infatti tra chitarre trascinanti, una sezione ritmica ipnotizzante ed un ritornello da pugno al cielo i Crazy Lixx vanno subito a segno. Così come è..Impossibile non farsi travolgere dalla carica melodica di Walk The Wire in cui le tastiere disegnano raffinati arrangiamenti mentre cori e ritornello caricano a mille i battiti del cuore!

Shot With A Needle Of Love riporta ancora ai Crazy Lixx più stradaioli e diretti ma lo fa immergendo il gruppo in un sound ultra cromato e ruffianissimo che fa tanto sunset strip anni ’80. Notevole anche la Dokkeniana Killer, che mostra tutta la maturità compositiva della band .La chiassosa Hunter Of The Heart introduce ad uno dei pezzi più clamorosi che quest’anno ci abbia regalato in ambito melodico. Snakes in Paradise è un perfetto esempio di rock melodico trapiantato ai giorni nostri pescando dal meglio degli anni ’80… il giro di chitarra iniziale è a dir poco epico, il ritornello è un cazzotto tra cuore e stomaco e la batteria carica a mille un ritornello da cantare fino a rimanere senza voce. Magnifico! A questo punto si potrebbe chiudere e sentenziare il successo di questo Ruff Justice se non fosse che ci mancano ancora da valutare lo splendido lento If It’s Love, pura ballad d’altri tempi che ci conduce per mano verso la chiusura lasciata in mano ad una cavalcante Kiss of Judas ed alla esaltante Live Before I Die dove ritornello, stile e melodia si riconfermano di valore assoluto.In conclusione,se volete tornare in un glorioso passato i Crazy Lixx vi accontenteranno perché vi faranno ritornare indietro nel tempo. Se siete, invece, dei young metalheads questa è l’occasione di ascoltare dell’ottima musica e di riscoprire i gruppi del passato che fecero la storia di questo genere musicale. Giustizia sia fatta! Comprate il loro disco e dategli fiducia in attesa che possano arricchire il loro stile personale, evitando così di accostarli nel tempo a gruppi come Wasp, Firehouse, Skid Row e Motley Crue, perché hanno tutto il tempo e le carte in regola per farlo. 

Voto: 8/10 

Bob Preda