Mazzarella Press Office

EMP 1

lunedì 8 maggio 2017

BARE INFINITY - The Butterfly Raiser

Blackdown Music
I Bare Infinity arrivano dalla bella e affascinante Grecia e nella loro line up dal 2014 hanno una vocalist dall’eccezionale voce, che ormai ha iniziato già da tempo ad insinuarsi all’interno della scena musicale internazionale. Stiamo parlando dell italianissima Ida Elena, vocalist dalla potente e seducente voce. Pur nascendo un bel po’ di anni addietro, arrivano con The Butterfly Raiser al secondo full-lenght. Diciamo subito che questo lavoro toglie letteralmente il fiato! Prodotto, registrato e suonato in maniera superba. Quello viene proposto è un mix di power, symphonic e folk. Brani dalle ricche melodie che facilmente rimarranno in mente fin dal primo ascolto. Complice il fatto che la band risulta molto compatta con all’interno oltre alla già citata vocalist anche Thomas Papadopoulos e Steve Davis. Insieme riescono davvero a smuovere le menti di chi si avvicina alla loro musica. Si alternano brani rocciosi e prettamente power metal come l’opener Race Of Destiny, dove Ida da prova egregia di classe e padronanza vocale ai massimi livelli, ad altri più folk e symphonic oriented. Il resto della band non è da meno, il tutto funziona alla grande, dalla sezione ritmica che sostiene a dovere le scorribande chitarristiche, presentando anche un tappeto tastieristico degno di nota.

Oltre al già alto livello compositivo dell’interno lavoro, si aggiungono alcuni ospiti d’eccezione che vanno a formare la clasica ciliegina sulla torta. Questi ultimi rispondono al nome di Albert Dannemann, presente sul brano Artemis, Max Morton che presta i suoi servigi su In Desertis, uno dei brani più veloci e in un certo senso più violenti, in alcune parti al limite del thrash, ma senza perdere mai di vista la melodia e il groove. Infine su Orion’s Light troviamo Sarah Wolf. Tutta gente che non ha cetamente bisogno di presentazioni. Gli spunti per aprire una lunga e suadente discussione si possono trovare in ogni singolo brano, dato che ognuno di essi brilla di luce propia. Inutile andare a fare paragoni con altre band più conosciute, i Bare Inifinity non hanno nulla da invidiare a nessuno! Ed è evidente che vivono di una grande personalità, proprio quella che viene a mancare spesso nelle così dette mainstream band! Non si può rimanere indifferenti alla bellezza dei brani contenuti all’interno di questo grandioso album! Se avete voglia di sognare, fatelo immediatamente vostro! 

Voto: 10/10 

Sandro Lo Castro