ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

Cadaveria VS Necrodeath

giovedì 2 febbraio 2017

YNGWIE J. MALMSTEEN - World On Fire

King Records
Cosa non si e’ detto di sua maesta’ Yngwie Malmsteen che gia’ non si conosce? Tutto o quasi.Artista che sicuramente non perde occasione di far parlare,nel bene e nel male,di se. Ha molti detrattori,speranzosi di vederlo alla corde. Ma lui non ci sta e continua imperterrito la sua strada e lo fa con la sua chitarra sempre e comunque. Che sia ripetitivo o no,rimane sempre un artista con la A maiuscola. Fregandosene di quello che pensano di lui,e inondandoci di note a piu’ non posso. Questo World Of Fire,ennesima release del nordico chitarrista, e’ qui a confermarlo.Parliamoci chiaro…sicuri di voler vedere cambiare mister Malmsteen? Qui credo che molta gente preferisca stare in silenzio.

Undici brani di puro neoclassicismo,come solo lui puo’ permettersi di fare. Non e’ una lode nei suoi confronti,ma un puro rispetto verso una persona che fa quello che vuole,come la tradizione rock insegna.Inutile stare qui a fare un sunto di ogni brano. Si in quest album non tutto rende bene,una su tutti le vocals, potevano essere tranquillamente tagliate via.Ma e’ una questione prettamente di gusti.Nulla da ridire invece sulle parti strumentali,davvero sopra le righe.Superlativo in brani come Largo,in cui unisce parti acustiche a parti elettriche,davvero emozionante. Ogni brano rappresenta sempre e solo lui in tutto e per tutto. Lo si odia o lo si ama,non ci sono mezze misure.Per amanti e non dell sei corde spinta alla velocita’ della luce! 

Voto: 7/10

Sandro Lo Castro