ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

giovedì 11 dicembre 2014

VIZA - Aria

Architets Of Melody 
In giro c'è tanta buona musica che merita di raggiungere un folto numero di consensi. E' il caso dei Viza che con questo Aria confermano di essere in possesso di un particolare talento. Tra suoni moderni ed un appeal alternativo, si sciorina questo pregevole album, composto da brani accessibili, ma non semplici nella loro stesura, grazie ad arrangiamenti complessi con equilibrio e strutturati in modo intelligente. E' il caso ad esempio di Never Feel, un pezzo che può anche sembrare commerciale, ma che si dimostra ricercato e palpabilmente valido. Stesso dicasi per Quicksand, dallo stile britannico per certi versi, nonostante un appeal rigorosamente americano, ma comunque molto poetico e personale. Il lavoro delle chitarre è ben omologato a quello della sezione ritmica, ma ad emergere oltre alle doti dei singoli musicisti è la voce del cantante K'noup davvero originale. Tutti i brani piaccono nell'immediato, da Midnight Hour a Vanished, che non danno mai alcun punto di riferimento, da Viktor's Vanguard a Forward March, dove sono gli arrangiamenti a spiazzare, da Beneath The Waves a Take Over The World, nelle quali l'aspetto interpretativo risulta a dir poco estatico. Tra rabbia e ispirazione, Aria trova la propria fine in Brunette, un pezzo riuscito che riassume alla perfezione i contenuti di un disco ben prodotto e di qualità.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella