ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

Cadaveria VS Necrodeath

martedì 18 novembre 2014

PAUL DI'ANNO - The Beast Arises

Metal Mind
Paul Di'Anno che piaccia o meno è un mito ed ha un grosso merito, ovvero quello di aver tenuto sempre in vita a livelli discreti la grandezza degli Iron Maiden dei primi lavori in studio, anche nei momenti più bassi della stessa "Vergine di Ferro". E' vero, probabilmente Paul Di'Anno non è mai stato in uno stato di forma eccellente, ma è sempre riuscito a trasmettere la passione che ha portato Iron Maiden e Killers a diventare due autentici classici del metal. Il mio Paul Di'Anno è stato poi possiile toccare con mano nel corso del tempo, con un folto numero di tappe anche umili se vogliamo, in giro per tutto il mondo. The Beast Arises è un DVD dal vivo che immortala quello che nel corso di questi anni è sempre stato un classico show della prima ugola degli Iron Maiden. Un live pieno zeppo di classici tratti dai primi due dischi di Steve Harris e compagni, con qualche episodio estrapolato dalla sua carriera solista. Nello specifico troviamo un Paul Di'Anno autore di una prova dignitosa, che canta con grande impatto i brani più noti dei Maiden, partendo da Sanctuary, Purgatory, Wrathchild e Prowler, passando per Murders in the Rue Morgue, Remember Tomorrow, Charlotte the Harlot, Killers e Phantom of the Opera, fino ad arrivare Running Free, Transylvania ed Iron Maiden. Tra acuti e momenti più rabbiosi, Di Anno coinvolge tutti i presenti divertendosi e facendosi divertire. La qualità delle immagini è buona, anche se The Beast Arises non è un DVD dalle multi dimensioni e per la sua semplicità piace, proprio perché regala una idea reale di quello che è davvero uno show di Paul Di'Anno. Presente negli extra anche una gradevole intervista alla prima vera voce degli Iron Maiden. Per chi da sempre ama gli Iron Maiden ed ha visto almeno una volta Di Anno dal vivo,  The Beast Arises, registrato nell'aprile del 2014 presso il Cracow's Lizard Club,  merita una congrua attenzione. 

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella