ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

Feltrinelli 1

Promozioni su La Feltrinelli.it

mercoledì 7 maggio 2014

TEMPERANCE - Intervista alla Band


Risponde Giulio Capone (batteria): 

Siete appena usciti sul mercato discografico con questo nuovo progetto Temperance. Potete presentarlo ai nostri lettori?

-Certamente! Noi siamo i Temperance e ti dirò che non saprei darti una definizio univoca del nostro sound. Il progetto è assolutamente nuovo dato che la band esiste da questo inverno ma guardando le persone coinvolte si può risalire alle nostre passate esperienze assieme. Difatti la parte strumentale della band è assieme da quasi 4 anni ed è composta da Marco Pastorino e Sandro Capone alle chitarre, Luca Negro al basso e Giulio Capone (io) alla batteria e alle tastiere. La new entry è la voce principale, Chiara Tricarico!

Temperance è appunto il titolo del vostro ultimo disco in studio ed il nome della band. Come lo avete deciso?

-La scelta è stata piuttosto naturale ascoltando il materiale che avevamo prodotto. Volevamo un nome che fosse facile da ricordare e che rappresentasse al meglio l'unione dei diversi elementi che contraddistinguono il nostro sound. Un equilibrio tra forze musicali spesso associate a contesti profondamente diversi ma che abbiamo fatto convivere nei nostri brani. Intitolare il primo album con il nome stesso della band credo sia una sorta di “manifesto” per racchiudere i tratti distintivi della nostra proposta.

Quanto tempo è servito per completarlo, tra stesura e registrazione?

-Guarda, credo sia stato l'album più rapido calcolando sia i tempi di stesura e arrangiamento dei brani, sia i tempi di produzione vera e propria. Abbiamo finito la composizione ad agosto 2013 e le registrazioni vere e proprie sono iniziate a settembre dello stesso anno. Prima di Natale l'album era mixato e masterizzato. Diciamo che in quei mesi abbiamo anche creato tutto quello che ruota intorno alla musica e pianificato tutto quello che riguardava l'uscita dell'album stesso.

Ci sono membri come Marco Pastorino che si districano tra una moltitudine di band. Quanto è difficile portare avanti queste collaborazioni?

-A dire il vero non abbiamo mai avuto particolari problemi con Marco e i suoi molti progetti. E' sempre bastato lasciare la totale libertà a tutti i membri della band per quanto riguarda collaborazioni e altri progetti. Anzi a dire il vero credo che avere membri con altre band all'attivo possa solo essere un punto di forza, avendo modo di condividere le diverse esperienze e i differenti punti di vista!

Come nasce un pezzo dei Temperance?

-Per l'album Temperance abbiamo lavorato principalmente io e Marco su idee che avevo già da qualche tempo, rifinendole poi tutti assieme in studio. Il sistema è piuttosto collaudato e rapido, cosa che reputo importante per fissare al volo le idee e mantenerle fresche! Se un brano non funziona e non emoziona già dai primi ascolti allora credo sia quasi inutile proseguire ad arrovellarsi la testa cercando la soluzione forzatamente inaspettata. 

Quale è il brano di Temperance al quale vi sentite particolarmente legati sia da un punto di vista tecnico che emozionale?

-Beh, qui converrebbe chiederlo ai diretti interessati dato che ti daremmo cinque risposte diverse eheh. Personalmente sono legato al brano The Fourth Season ma amo tutti i brani di questo album essendo nati in modo molto naturale e immediato, ed essendo legati a momenti piuttosto positivi!

Cosa differenzia i Temperance da tutte le band che hanno una donna come vocalist?

-Uhm...bella domanda...non credo però sia compito nostro dirlo...diciamo che vi è un approccio alla melodia ma al tempo stesso alla complessità dei "colori" musicali che per ora non ho ancora sentito in altre band con la voce al femminile. Ascoltando altre band mi sembra di sentire un'impronta molto più uniforme e prevedibile (non in senso negativo per carità) mentre nei Temperance è più difficile capire dove un brano andrà a parare o quali sviluppi potrebbe assumere la stessa voce principale. Personalmente lo ritengo il maggior punto di forza di questa band e di questo album.

Dare una definizione alla musica dei Temperance o un'etichetta è nel pratico impossibile. Siete in accordo con questa analisi?

-Assolutamente si! Noi stessi non sapremmo come definire la nostra proposta e a dirla tutta non è nemmeno tra i nostri obbiettivi dato che non ci piacciono troppo i paletti e le etichette prestabilite. Potremmo definirlo Modern Metal con voce femminile e influenze che partono dalla musica elettronica, fino al folk asiatico passando per episodi sinfonici e chi più ne ha più ne metta.

Quanto sono importanti i testi in una band come i Temperance?

-Penso che i testi siano importanti almeno quanto la musica. Ci si può emozionare per una melodia, per un passaggio particolarmente azzeccato ma è ai testi che ritengo si possano legare le nostre esperienze personali. Poi tutti i nostri testi parlando di quello, cercando anche di legare l'aspetto sonoro a quello letterario. Testo e musica non possono vivere, nel nostro caso, l'uno separato dall'altra!

Quali aspettative circondano Temperance come disco e come band?

-Il disco è stato accolto in modo assolutamente stupefacente un po' ovunque. Siamo rimasti spesso di stucco nel leggere le recensioni che son state tutte estremamente positive! Noi non possiamo che esserne felici e spronati a fare ancora meglio! La band stessa è stata accolta con grande affetto, sia da chi ci ha seguiti nei progetti precedenti sia da chi ci ha "scoperti" con i Temperance. Posso dire con certezza che si tratta di un momento magico!

Come funziona l'intesa tra Sandro e Marco alle chitarre? Ormai siete come fratelli....

-L'intesa è piuttosto forte come potrai immaginare dal passato dei singoli musicisti dei Temperance. Non si limita solo a Marco e Sandro ma si estende anche a me e Luca. E' un'alchimia che ormai funziona in modo naturale. Sarei un bugiardo se negassi che anche Chiara, nonostante sia la new entry del gruppo, si sia inserita praticamente da subito e che si sia creato anche con lei un legame che va ben oltre la musica. E' una famiglia che funziona bene. Tutto qua. 

Come avete scelto la label?

-Non appena abbiamo avuto il master di Temperance nelle nostre mani ci siamo mossi per cercare un'etichetta per poterlo dare alle stampe. La scelta è caduta praticamente subito sulla Scarlet dato che conosciamo bene i ragazzi dell'etichetta e sappiamo bene come lavorano e quale passione mettono in tutto quello che fanno. Dal canto suo, Scarlet ha praticamente messo sotto contratto i Temperance nel giro di due settimane scarse. E' stato un colpo di fulmine direi. 

Quali sono le vostre mosse future? Ci sarà un tour con delle date live? 

-Non vorrei sbilanciarmi nel dirti tutto tutto quello che bolle in pentola ma posso assicurarti che ci saranno novità piuttosto interessanti in questo 2014! I nostri progetti prevedono difatti in maggior numero possibile di date live per promuovere l'album, sia in Italia ma soprattutto all'estero. 

Siamo arrivati alla conclusione. Vi va di lasciare un messaggio ai nostri lettori?

-Intanto GRAZIE a te e a tutti i lettori!!! Spero di vedervi numerosi ai nostri prossimi appuntamenti dal vivo e vi invito a visitare il nostro sito internet ufficiale www.temperance.it e la nostra pagina Facebook all'indirizzo www.facebook.com/temperanceofficial .Ancora grazie per l'incredibile supporto e per la calorosa accoglienza che avete riservato ai Temperance!

Maurizio Mazzarella