ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

Nuovo catalogo Estate - EMP

venerdì 4 aprile 2014

BLACK LABEL SOCIETY - Catacombs of the Black Vatican

E1 Entertainment
Zakk Wilde è un artista geniale, oltre che uno straordinario chitarrista. La sua storia è palbabilmente signidicativa ed il suo tocco è più unico che raro. Il suo estro si è completamente trasdotto nei Black Label Society e Catacombs of the Black Vatican è l'ennesimo mattone inserito su un muro forte e maestoso. Nel loro Southern/Groove Metal, la band del chitarrista americano riesce a creare una forte identità, mostrando una personalità notevole. Cosa non da poco. All'interno del disco, Wilde riesce ad inserire inserti di tecnica mostruosa, con assoli straordinari, che gli consentono di mettermi in mostra non solo come chitarrista, ma anche come compositore e cantante. Il suo timbro alla Chris Cornell lo rende accattivante, anche perché con il suo tocco chitarristico rock misto di blues, sono come due sposi in luna di miele. Da un punto di vista stilistico e musicale Catacombs of the Black Vatican non ha nulla di innovativo, è ovviamente incentrato sugli assoli di Wilde in certi frangenti, vedi Believe ad esempio, ma è da considerare un lavoro egregio, pur essendo molto simile a tanti lavori già editi dagli stessi Black Label Society. C'è quindi più tecnica rispetto anche ad album più recenti come The Song Remains Not the Same ad esempio, ma manca la grinta il carisma di album come Stronger Than Death e Mafia. Carisma che in un genere come questo deve risultare una componente basilare. Discreta la produzione, ma non ottimale, un suono più moderno sarebbe stato più adatto. Per il resto Catacombs of the Black Vatican resta un lavoro valido e buono, a volte anche con partiture geniali, che in certi frangenti manca della giusta spinta. Per i fan della chitarra resta comunque un disco altamente consigliato.

Voto: 7,5/10

Maurizio Mazzarella