Mazzarella Press Office

EMP 1

Nuclear Blast 1

Nuclear Blast 4

Athlantis

domenica 2 marzo 2014

MARCO BRACCI - The Dark Side Of The Moon (viaggio nell‘identità dei Pink Floyd)

Aereostella
Quando si parla di Pink Floyd ogni parola può sembrare vana o retorica cosi come si può pensare, questa volta erroneamente, che l’ennesimo libro sulla band sarà la solita e inutile biografia, l’ennesimo scritto da mandare al macero fin da quando lo splendido Inside Out, scritto dallo stesso Nick Mason (drummer della band), ha posto il verbo definitivo sulla sua storia, spiegando e risolvendo molti dei misteri che circondavano il gruppo ed i suoi componenti, nonché sfatando molte leggende metropolitane, alimentate senza dubbio dall’isolamento, vuoi per peculiarità caratteriali, vuoi come scelta consequenziale del successo. Capirete invece che quanto appena affermato, unito all’elevato valore intrinseco delle composizioni musicali e dei versi scritti da Waters & co., necessita di un approfondimento rigoroso ed accademico, senza dubbio scevro delle banalità prodotte da improvvisati giornalisti e biografi. Il libro che stiamo recensendo merita invece stima e considerazione,  fosse solo per l’autorevolezza di chi lo ha scritto, Marco Bracci, in quanto ricercatore e docente della facoltà di sociologia della comunicazione e dei processi culturali presso l’Università di Firenze. The Dark Side Of The Moon (viaggio nell‘identità dei Pink Floyd) è un vero e proprio saggio, nato con l’intento di celebrare i quarant’anni di uno dei dischi più celebrati del rock (…e comunque il più venduto), sempre attuale ed universalmente apprezzato da rockers, progsters, metallers, blacksters ecc.,cui dedica un intero capitolo in cui il suo concept viene letteralmente vivisezionato brano per brano. Ma è anche l’intera storia del gruppo ad essere analizzata, a partire dal contesto socio-culturale di fine anni sessanta che gli ha dato i natali, fino alla sua evoluzione a seguito di un cammino artistico a dir poco leggendario. Niente affatto noioso e prolisso, questo interessantissimo lavoro di Marco Bracci si lascia gustare scorrevolmente, mai a discapito della qualità delle informazioni fornite al lettore. Particolare cura è stata posta nella citazione delle fonti e nella compilazione della bibliografia, a dimostrazione del certosino lavoro di ricerca dell’autore. Senza dubbio consigliato ed indispensabile a tutti i numerosi cultori di questa band immortale.  

Voto: 8,5/10

Salvatore Mazzarella