ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

Nuovo catalogo Estate - EMP

martedì 18 febbraio 2014

ZUFFANTI - La Quarta Vittima

Ams
Quando ascolti un lavoro dallo spessore così elevato, viene ancora una volta da chiedersi perché siamo maledettamente esterofili e privilegiamo nei nostri acquisti artisti pseudo intelletualoidi stranieri… Io qualche nome lo farei pure, ma evito per non tirarmi addosso le ire di chicchessia e vi racconto di questo La Quarta Vittima, quarto lavoro solista di Fabio Zuffanti, uno dei nomi più attivi, conosciuti e stimati del panorama progressive nazionale, già attivo con progetti sempre di altissima qualità quali Finisterre, La Maschera Di Cera e Hostsonaten. L’esperienza maturata in venti anni di attività, la vena artistica prolifica grazie alla moltitudine di influenze che hanno condizionato la crescita musicale di Fabio danno vita ad un opera dove troviamo di tutto, miscelato in maniera caleidoscopica, tra jazz, metal, folk, funky, progressive italiano ed internazionale (quelli più tradizionali, dei seventies…), elettronica e psichedelia. Una vera e propria opera rock dove i brani, seppur godibili separatamente, costituiscono un concept basato sul libro di racconti gotici/surreali “Lo Specchio Nello Specchio” di Michael Ende. Un labirinto sonoro composto, arrangiato e suonato in modo divino da una all star band davvero variegata, con musicisti provenienti da bands ed esperienze prog e non… Sinceramente non troviamo nessun punto critico, ne riusciamo ad essere freddamente obiettivi davanti cotanta bontà musicale, ne riusciamo a segnalare qualche brano in particolare, se non il fatto che per tutta la durata, quasi un’ora, il disco va ascoltato con silenzio e concentrazione, per captare appieno quanta passione Zuffanti vi ha infuso… Non per tutti, ma sicuramente per i più esigenti e smaliziati tra noi rockers, progsters, metallers…

Voto: 9/10

Salvatore Mazzarella