Mazzarella Press Office

EMP 1

Nuclear Blast 1

Nuclear Blast 4

Athlantis

giovedì 20 febbraio 2014

REVENGE - Survival Istinct

Fuel
Dopo anni di gavetta ed un buon curriculum alle spalle, giunge l’atteso esordio dei pesaresi Revenge, che nel corso della carriera hanno inciso una cosa come quattro demo, un Ep ed una compilation, fino a giungere dal 1981 ad oggi alla pubblicazione di questo pregevole Survival Istinct, un disco di epic metal classico, che ci mostra una band in grandissima forma, dedita ad un sound e ad uno stile tradizionale, sempre efficace ed inossidabile nel tempo. Tecnicamente i Revenge si dimostrano all’altezza di gruppi di blasone, grazie ad un lavoro pregiato di chitarre, che ben si sposano con la sezione ritmica. A livello compositivo, i Revenge puntano sulla semplicità e l’immediatezza, una ricetta appropriata a quello che è nel complesso il loro stile di base. I brani hanno un buon impatto e si destreggiano tra compattezza e versatilità. Ci sono certamente dei margini di miglioramento, nel senso che l’eventuale voglia di evoluzione ed un’attitudine tendente ad un sound più attuale, potrebbe giovare notevolmente ad un gruppo che di base ha buone idee ed una preparazione invidiabile. Già con Dead or Alive mette subito le cose in chiaro, puntando ad un sound tipicamente anni ottanta, rimarcato dalla seguente title-track, in assoluto il brano più rappresentativo del disco. Tra lo stile cadenzato di Crazy Nights e la melodia di Can't Hold Me Down, trova posto anche la ballata Flying: poesia pura. Con Shelter si torna su territori più hard, seguiti dalla tecnica sublime di Bite the Bullet e Not the Same, differentemente con Cannonball si ode un approccio più aggressivo e potente, che si sposa in modo pregevole con la conclusiva Home Again, un brano che rimarca lo spessore artistico di una band di qualità.

Voto: 7,5/10


Maurizio Mazzarella