ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

venerdì 21 febbraio 2014

IL FAUNO DI MARMO - Canti, Racconti e Battaglie

Andromeda Relix
Non ci stancheremo mai di sostenere la bontà complessiva di una proposta, privilegiandola rispetto a tecnicismi, virtuosismi, iperproduzioni ed altri inutili orpelli… E’ questa la prima riflessione che scaturisce nella mia testa durante l’ascolto di questo bellissimo Canti, Racconti e Battaglie, un disco saldamente ancorato alla tradizione prog seventies italiana, tanto che, chiudendo gli occhi e non leggendo la data di produzione del cd, potremmo pensare ad un capolavoro nascosto dell’epoca debitamente ripulito e rimasterizzato. Attenzione lettori, personalmente quello che gli altri possono ritenere un difetto io lo ritengo un vero e proprio pregio. Non si inventa nulla di nuovo, questo ormai è ben noto ed in questo frangente storico per la musica rock il pregio de Il Fauno Di Marmo è quello di riportarci indietro nel tempo facendoci sognare, fin dall’artwork che racchiude il cd… In precedenza denominati Rebus, due album in studio ed un live alle spalle e attivi dal 2001, debuttano in questi giorni con un monicker sicuramente più affascinante ed appetibile agli amanti del prog. I modelli di riferimento oscillano tra il prog dei Jethro Tull, sicuramente per il flauto dell’ottimo Luca Sterle, dotato anche di un timbro vocale del tutto personale, e l’hard di gruppi come Deep Purple e, soprattutto, Uriah Heep che col prog ci flirtavano comunque. Se poi vogliamo evitare di andare all’estero, possiamo ricordare gruppi come The trip e Biglietto Per L’inferno che sicuramente rientrano negli ascolti preferiti dai nostri. Oddio, poi in Magic Kazoo fanno anche capolino i Pink Floyd di The Piper At The Gates Of Down, e comunque davvero belli e godibili i brani più lunghi come l’opener Benvenuti Al Circo, Hop Frog e la cavalcata Dorian Gray, con lo special guest Alessandro Serravalle dei Garden Wall alla chitarra. Un plauso ad Andromeda Relix di Gianni Della Cioppa che ha deciso di supportare questo lavoro, prediligendo come sempre le emozioni qui regalate a piene mani…        

Voto: 9/10

Salvatore Mazzarella