ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

martedì 30 luglio 2013

AGATHODAIMON - In Darkness

Massacre Records
Il problema degli Agathodaimon non è nella qualità, che c'è ed è evidente, ma nell'identità. Devono capire ancora in quasi venti anni di carriera, che non devono emulare nessuno se non  loro stesso. In loro c'è la voglia di essere il più vicini possibili ai Cradle Of Filth, oppure ai Dimmu Borgir. Non a caso la loro evoluzione, è sempre stata parallela a quella dei gruppi appena citata, anche se nel loro approccio, vi è sempre stata un'attitudine più cupa ed oscura, dai tratti crepuscolari. Tecnicamente In Darkness è un prodotto valido, ma manca d'intensità e senso di coinvolgimento. E' un lavoro molto riflessivo, con tratti gotici e quasi progressivi, ben studiati ed impostati su orchestrazioni basate su arrangiamenti e strutture ben articolate. Dei sei dischi incisi in studio, In Darkness ha il sapore di un lavoro stazionario, nel quale la band non si prende alcuna responsabilità e ne alcun rischio, per paura di sbagliare, di andare oltre quei limiti, che andrebbero superati proprio per capire sino a dove può giungere il loro spessore artistico, nonché per misurare il loro talento. La produzione è discreta, se pur sommaria e non eccessivamente moderna. Disco quindi discreto, gradevole in un certo senso, ma dagli Agathodaimon è lecito attendersi di più.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella