ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

mercoledì 8 maggio 2013

KINGDOME COME - Outlier

SPV/Steamhammer

Parlare di Kingdome Come significa parlare del suo leader Lenny Wolf, oggi più che mai alla luce del fatto che su questo Outlier l’artista tedesco ha composto, arrangiato, (…logicamente) cantato e suonato tutti gli strumenti su ognuno dei brani, tranne quel che riguarda gli interventi di chitarra solista effettuati, invece, da un ben integrato Eric Forster. Quello del mitico Lenny è l’esempio di un musicista che merita tutto il rispetto che la scena gli riconosce, nonché tutto la fedeltà che i propri fans gli tributano da anni e che gli permette ancora oggi, in un silenzio del tutto apparente, di pubblicare i suoi lavori per giunta per una label non da poco come la SPV. Una carriera partita nel lontano 1988, sebbene con la critica di clonaggio dei Led Zeppelin forse eccessiva perché dovuta principalmente al suo timbro vocale che potrebbe ricordare quello dell’inarrivabile Plant, perseguita con incredibile coerenza con quelli che erano, di volta in volta, i propri intenti artistici. Non cambiano gli ideali nemmeno su quest’ultimo lavoro, che si scosta un po’ da quanto proposto in passato ma senza strizzare l’occhio ad alcuna moda del momento. Ne esce quindi fuori un lotto di dieci brani la cui autenticità, la cui genuinità si sente a pelle, semplici ma allo stesso tempo magniloquenti e vari come solo un buon lavoro di songwriting può produrre. Si prenda l’esempio dell’iniziale God Does Not Sing Our Song che inizia con dei piatti percossi come l’intermezzo della storica Whole Lotta Love (pericolosa coincidenza…) per poi sfociare in un brano incredibilmente pieno di respiro, quasi dal gusto neoprogressive. Oppure il loop elettronico all’inizio di quella che è una power song come Rough Ride Rallye che però torna ad essere leggermente industrial nel refrain alla Nine Inch Nails. Poi che dire, l’ultima canzone When Colors Break The Gray è davvero bella perché ha una melodia efficace. Questo ed altro troverete su un disco che, zitto zitto, merita davvero!!!    

Voto: 8/10

Salvatore Mazzarella