ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

sabato 6 aprile 2013

TELLUS REQUIEM - Invictus (The 11th Hour)

Nightmare

Un gruppo interessante e colmo d'inventiva ed anche di originalità in un genere che ha detto molto e che grazie a gruppi di qualità come lo sono appunto i Tellus Requiem, dimostra di avere ancora molto da dire. La band viene dalla Norvegia, è attiva da circa sei anni e con questo discreto Invictus (The 11th Hour) giunge alla pubblicazione del proprio secondo lavoro in carriera, tornando sul mercato discografico a tre anni dall'omonimo disco d'esordio. Stilisticamente suonano un power/progressive metal dalle tinte complesse, dove la tecnica e l'intensità sono i cardini della loro musica. Sono evidenti le influenza dei gruppi seminali del settore, ma i Tellus Requiem riescono a crearsi un proprio spazio, unendo in modo intelligente il sound europeo a quello statunitense, creandosi una propria identità, ma soprattutto una pregevole personalità. Invictus (The 11th Hour) si dimostra un lavoro eccellente, con brani ispirati, coinvolgenti ed accattivanti, nei quali le tastiere s'incrociano in modo meraviglioso con le chitarre e la sezione ritmica. Tellus Requiem funzionano come band, ma anche come singoli, grazie a brani d'impatto e dalla presa immediata, nonostante una netta complessità di fondo negli arrangiamenti ed un uso dei cori intelligente. Ottima la produzione, il fiore all'occhiello di Invictus (The 11th Hour) e le tastiere in chiaro stile Symphony X. Da considerare.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella