ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

venerdì 26 aprile 2013

MEMORAIN - Evolution

Maple

Quando mi è arrivata tra le mani la copia dell'album ho letto il titolo e il nome lasciandolo scorrere come acqua di un fiume, ma una volta dato il via alla riproduzione ho notato che non si trattava del classico album d'esordio, scavando nella memoria mi sono ricordato che infatti i Memorian avevano già sfornato tre album nell'arco di tredici anni. Il motivo per il quale tale gruppo fosse finito nel dimenticatoio, dipendeva dal tipo di musica che non mi conquistò facilmente. Scettico ho continuato ad ascoltarlo e pensai che il tempo avesse fatto crescere i loro nomi; ma in realtà i loro nomi erano già grandi. Questo perché il leader fondatore, Ilias Papadakis, ha ristrutturato la squadra facendo scendere in campo una sorta di nazionale della musica, da qui il titolo Evolution. Infatti il nuovo schieramento vede in campo Gene Hoglan alla batteria, Ralph Santolla alla seconda chitarra, la prima è del greco fondatore Ilias, Chris Valago alla voce e Steve Di Giorgio al basso. L'evoluzione della band inaugura il nuovo album con un pezzo forte: Nations on Fire, che risulta molto godibile e trascinante in un turbinio di ritmi e pogate. Il cantante, nonostante l'imposizione del genere, scandisce bene ogni parola evitando così di trasformare il testo in un grido privo di connotazioni lessicali. Il primo, il secondo e il sesto pezzo sono davvero potenti e epici, gli altri anche se non menzionati sono davvero molto belli. Ilias meriterebbe un applauso per il coraggio di unire pezzi da novanta ed esser riuscito ad evitare il flop.

Voto: 9/10

Luciano Gigante