Mazzarella Press Office

EMP 1

Nuclear Blast 1

Nuclear Blast 4

Athlantis

venerdì 8 marzo 2013

SOILWORK - Intervista alla band



Risponde Dirk Verbeuren (drums):

The Living Infinite è il vostro nuovo album di studio. Cosa ne pensi di questo album?

-Sono davvero entusiasta a riguardo! Siamo riusciti a tirare fuori il nostro primo disco doppio e per me, questo è un bel risultato. Sono molto felice che dopo otto album, c'è tanta ispirazione che scorre via ancora. Tutte le epoche della band sono rappresentati su The Living Infinite ed è per questo che chiunque abbia apprezzato i Soilwork, amerà questo album!

Quali sono le differenze tra The Living Infinite e The Panic Broadcast?

-The Living Infinite contiene canzoni due volte più di più rispetto a The Panic Broadcast, che ci ha permesso di includere più rispetto a ciò che sono i Soilwork. Abbiamo un sacco di cantautori della band, ognuno con il proprio stile. Canzoni come "Owls Predict, Oracles Stand Guard" e "Loyal Shadow" non ci sarebbero state su un album con 10 brani. E' una grande sensazione quella di mostrare ai nostri fans tutti i diversi lati dei Soilwork. Inoltre, rispetto al precedente disco, tutti sono stati molto più coinvolti nella composizione e nell'arrangiamento dei brani. Il nostro nuovo chitarrista David Andersson ha portato un sacco di grandi idee. Per me, The Living Infinite è una continuazione di ciò che abbiamo iniziato su The Panic Broadcast, ma molto più audace e più forte!

Quanto tempo è servito per comporre e registrare The Infinite Living?

-Circa 8 mesi dal momento in cui abbiamo iniziato comporre le demo insieme al master finale. Abbiamo trascorso un po' tempo in più in studio del solito, ma non molto. Le registrazioni erano estremamente ad alta intensità di lavoro, soprattutto perché non abbiamo completato solo le venti canzoni dell'album, ma anche una serie di tracce extra che non sono state tagliate. Io ho registrato la batteria per 26 canzoni in 8 giorni.

Qual è la tua canzone preferita di The Infinite Living?

-In questo momento direi che  sono legato a "Long Live The Misantrope" e "Spectrum Of Eternity". Io tendo ad amare le canzoni più energiche. Inoltre, la strumentale "Ombra Loyal Shadow" significa molto per me personalmente ed è una pista dove Sylvain brilla davvero! È possibile riconoscere totalmente il suo stile in quella canzone.

Cosa pensate di A Predator Portrait oggi?

-Non intendo a parlar male dei primi due dischi, ma per me, quello è l'album dove l'identità dei Soilwork ha veramente preso forma. Abbiamo creato un nostro suono, abbiamo preso la giusta velocità ed inserito il giusto mix di voci. Ci sono brai dei Soilwork considerati come classici. Penso che sia un grande album, anche se non è il mio preferito, sono legato a Natural Born Chaos, Figure Number Five ed il nuovo.

Come pensate che il vostro sound si è evoluto?

-In un certo senso naturale. Man mano che cresciamo e cambiamo, il nostro campo di influenze si allarga. C'è stato un periodo nella storia Soilwork, dove alcuni ex-membri della band stavano spingendo molto per un suono più commerciale. La verità è che non tutti erano felici con queste scelte. Su The Panic Broadcast abbiamo preso una decisione collettiva di non limitarsi più per includere ogni idea ed abbiamo pensato che era buona se suonava "tipicamente Soilwork" oppure no. E abbiamo spinto questa direzione molto più lontana ancora su The Infinite Living, con i membri della band che contribuiscono più una vasta gamma di canzoni. È per questo che il nuovo album è un tale giro impressionanti montagne russe!

Farete un tour di date dal vivo a sostegno di The Infinite Living?

-Assolutamente! Saremo tutti negli Stati Uniti ed in Canada a marzo, aprile e maggio. Poi gireremo l'Europa per una serie di festival estivi e diverse date già programmate per l'autunno.

Che tipo di musica ascolti oggi?

In questo momento sto ascoltando i Godflesh. Sono una delle mie band preferite di tutti i tempi e non vedo l'ora che esca il loro nuovo disco! Ho anche apprezzato i nuovi album di Squarepusher, Nile, Meshuggah e Napalm Death.

Pubblicherete un DVD live?

-Sì. Le persone hanno atteso questo prodotto per un tempo molto lungo. Non c'è mai stato  il momento giusto ed il luogo giusto per noi, ma alla fine, lo faremo accadere. Forse quest'anno, chi lo sa? Nel frattempo, si dovete venire a trovarci in concerto! E assicurarvi di acquistare The Infinite Living!

Maurizio Mazzarella