Mazzarella Press Office

EMP 1

giovedì 14 marzo 2013

SIX FEET UNDER - Unborn

Metal Blade Records

Pronti a stupire, pronti a spiazzare tutti, ma con estrema coerenza. Questi sono i Six Feet Under, partiti nei primi anni novanta dalla città di Tampa, in Florida, con l'intento di frantumare il mondo con la loro musica, creando nel tempo un progetto inossidabile, fatto di album di grande livello, divenuti autentici punti di riferimento per la scena. Non è da meno questo nuovo Unborn, il tredicesimo in carriera, che giunge a distanza di un anno dal precedente Undead. Stilisticamente i Six Feet Under non spostano di un millimetro la lancetta dal proprio stile, impostata come sempre sul loro death/groove metal, carico, potente, cruento, ma sempre compatto e di notevole spessore artistico  Ciò che viene fuori da Unborn, oltre a quella matrice di Death 'n' Roll che da sempre li contraddistingue, è quella qualità tecnica sbalorditiva  che riesce a rimarcare il loro essere estremo, senza mai snaturarlo. Per questo Unborn è un disco fluido, dinamico, basato su ritmi veloci, che sa essere brutale, senza un minimo di melodia, ma comunque coinvolgente ed entusiasmante. Ottime le chitarre, stesso dicasi per la sezione ritmica. I Six Feet Under sono un ottimo ingranaggio che funziona a meraviglia, supportato da una produzione di gran livello. Un ottimo disco.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella