ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

sabato 16 marzo 2013

ODD DIMENSION - The Last Embrace To Humanity

Scarlet Records

Gli Odd Dimension sono un grande gruppo. Un grandissimo gruppo. Una piacevole realtà nostrana, che si è imposta nel tempo grazie alla propria caparbietà  ma anche grazie ad un talento straordinario, una classe sopraffina ed una qualità a dir poco sorprendente  In tutto questo c'è uno spessore tecnico che riesce ad andare anche fuori dal comune, corredato dalla capacità di evolversi in modo costante, con una straordinaria coerenza. The Last Embrace To Humanity esce a due anni dall'esordio Symmetrical, che già aveva consentito di ammirare l'estro di una band pronta a spiccare il volo. Questo nuovo capitolo targato Odd Dimension, non fa altro che confermare quanto sia notevole il loro livello artistico, consentendoci di ammirarli anche da un'altra dimensione. The Last Embrace To Humanity è certamente un lavoro più maturo, ma anche più complesso ed articolato e per questo meno immediato e dalla presa non semplice. I toni sono diventati anche più ruvidi, anche più accesi ed i ritmi sono cadenzati e mai costanti, proprio per la propria capacità di sorprendere e spiazzare in nodo inaspettato. Tra momenti melodici ed ispirati, ed altri più ruvidi e robusti, viene fuori un album diverso, un disco certamente di progressive metal, che però non paga dazio a nessuna band di blasone. La particolarità degli Odd Dimension e di prendere ispirazione da se stesse e di non somigliare a nessuno nonostante facciano parte di un settore ben definito. Merito di una notevole personalità, oltre che di una originalità palpabile. La produzione è discreta, ben studiata e certamente adatta a quella che è la proposta del combo piemontese ormai attivo da oltre dieci anni, che vanta all'interno della band due componenti dei Secret Sphere, ovvero Federico Pennazzato alla batteria e Gabriele Ciaccia alla tastiere. Un altro passo verso la maturità definitiva.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella