Mazzarella Press Office

EMP 1

mercoledì 27 marzo 2013

ANTRHAX - Anthems

Nuclear Blast

Difficile dimenticare il fenomeno Anti-social, una cover all'epoca fatta dagli Anthrax talmente bene, che sembrava meglio dell'originale. Di casi simili ne sono esistiti tanti, come ad esempio Painkiller dei Judar Priest suonata di nuovo dai Death e capace di produrre effetti sconvolgenti. L'idea degli Anthrax di fare un Ep di sole cover, può sembrare una scelta commerciale, ma non è detto che sia sbagliata, anzi, per certi versi risulta interessante e condannarla a priori, sarebbe solo per questione di prevenzione. Gli Anthrax hanno deciso di coverizzare gruppi consueti, come gli AC/DC, i Thin Lizzy, i Journey e lo fanno con grande semplicità e naturalezza. Il disco viene vene, scorre in modo fluido e dinamico e si lascia ben ascoltare. Brani poi come T.N.T., oppure Jailbreak, suonano in modo diverso e per questo risultano anche entusiasmanti. In Smokin' dei Noston invece, sembra quasi che gli Anthrax vogliano imitare i Deep Purple e per questo il tutto diventa anche curioso. Non è un qualcosa che farà gridare al miracolo, ma è gradevole e questo per certi versi può anche bastare.

Voto. 6,5/10

Maurizio Mazzarella