ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

mercoledì 23 gennaio 2013

WITCHE’S BREW - SupersonicSpeedFreaks

Black Widow

Torna dopo due anni circa la band lombarda già autrice del buon White Trash Sideshow, primo lavoro pubblicato in sodalizio con la Black Widow. Doveroso precisare della rinnovata partnership con l’etichetta che, a nostro parere, ha giocato bene il suo ruolo nella riuscita di quello che è un album, questo SupersonicSpeedFreaks, a dir poco superlativo… Certo è che i bravissimi Mirko Zonca (basso) e Mirko Bosco (chitarra) hanno ascoltato i buoni consigli dello staff genovese, che tra l’altro ha messo a loro disposizione un rooster di special guests davvero eccezionale, ed hanno ulteriormente perfezionato il tiro, diluendo la notevole energia di cui sono in possesso in un lavoro di songwriting più meditato, oseremmo dire un po’ progressivo, anche se sempre di hard blues psichedelico stiamo parlando, che tra l’altro ha dato alla possibilità ai due di mostrare la notevole caratura tecnica di cui sono in possesso, vista la classe delle linee di basso e la fulminante prestazione della chitarra. Quindi ingaggiato Ricky Dal Pane (Buttered Bacon Biscuits), un singer davvero di razza, e Frankie Brando alla batteria i Nostri c’hanno regalato 52 minuti di pura potenza sonica “ben controllata”, tanto che anche i due brani più lunghi (oltre 10 minuti) risultano piacevoli all’ascolto, lasciando inalterata la soglia d’attenzione dell’ascoltatore dall’inizio alla fine. Proprio l’opener, Vintage Wine, è uno di questi due brani ed è l’esempio di quest’indovinata miscela tra tensione elettrica, flavour psichedelico e sfumature progressive, apportate dalle tastiere vintage di Paolo “Apollo” Negri e dal sax del mitico Martin Grice dei Delirium. Magistrale, il mio preferito, il secondo brano, What Do You Want From Me… Un riff circolare, la voce di Ricky ferma ed aggressiva, groove alle stelle ed una citazione di Gypsy degli Uriah Heep perfettamete incastonata all’interno del brano. Nik Turner, si quello degli Hawkwind, collabora alla cover del suo gruppo Children Of The Sun mentre uno Steve Sylvester in stato di grazia è coautore ed interprete dell’acidissima Make Me Pay. La classe di J.C. Cinel colora Magic Essence ma anche tutto il resto è un gran sentire !!! Mixato negli studi di Freddy Delirio dei Death SS, questo lavoro merita tanto tanto successo…      

Voto: 9/10

Salvatore Mazzarella