ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

venerdì 25 gennaio 2013

VOIVOD - Target Earth

Century Media

Pesante, potente ed iper tecnico: così deve essere un disco dei Voivod e Target Earth rispecchia queste caratteristiche, nel classico stile del combo canadese, che nel tempo è riuscito a creare un un sound unico, originale e certamente personale. Target Earth è un lavoro pieno d'inventiva, imprevedibile, che sai come inizia e non sai mai come andrà a finire. Supportato da arrangiamenti complessi, iper tecnici, difficili da assimilare ad un primo ascolto, quasi impossibile da percepire nell'immediato. Dentro c'è un progressive metal ambiguo, che non è certo quello dei Dream Theater, ma è semplicemente quello dei Voivod, che fondono momenti di class metal a classici arpeggi thrash, con Snake che in certi momenti sembra l'Ozzy più in forma. Target Earth è un disco che spiazza, perché è il classico album che non ti aspetti, perché non segue un percorso predefinito, ma si porta avanti per strade impossibile. In tutto questo s'interseca una sezione ritmica meticolosa, che sa picchiare in modo intelligente, senza mai andare oltre i limiti. Poi c'è la chitarra di Chewy, che non delude e che per certi versi sorprende, la sua prova era la più attesa, come quella di Blacky. Entrambi si dimostrano all'altezza del nome dei Voivod. Target Earth è il terzo disco del combo canadese e si dimostra un lavoro di valore, una perla musicale non rara, ma unica. Come tutti i dischi dei Voivod del resto, sempre diversi e sempre impeccabili. Ottima la produzione, adeguata e curata con grande minuzia. Gran bel lavoro!!!

Voto: 8,5/10

Maurizio Mazzarella