Mazzarella Press Office

EMP 1

Nuclear Blast 1

Nuclear Blast 4

Athlantis

venerdì 21 dicembre 2012

FAREWELL TO ARMS - Perceptions

Massacre Records

Bavaresi, al debutto, spalleggiati da una delle etichette più importanti per il metal che ci sono in Europa, oltre ad essere una loro connazionale. Hanno fatto tombola i Farewell To Arms, autori di un melodic death e con i soliti risvolti metalcore. L'universo sonoro di "Perceptions" è praticamente fatto da canzoni nelle quali si sommano riff duri, ma anche capaci di puntare spesso a linee melodiche, un drumming che in fin dei conti svolge bene il lavoro per il quale è chiamato a fare e vocalmente anche Dominik Martin soddisfa nei suoi compiti: voce aggressiva, attacchi in quasi scream, sortite in growl e i coretti con voci clean. Tutto come il manuale del melodic metaller moderno prescrive. Canzoni che rispettano le regole ed eseguite da musicisti abbastanza preparati, ma che si dimenticano di proporre melodie o pezzi che possano ammaliare l'ascoltatore. Piatto? Già sentito? No, scontato. Questo è "Perceptions" e mentre sono sicuro che la band ci ha messo il massimo per fare questo album e giocarsi la propria carta, ecco che la produzione (anche missaggio e mastering, ben fatti) di Corni Bartels (Lacrimas Profundere, End Of Green, Xandria e altri) si è rivelata adatta per far ben capire di cosa è capace la band, come i risvolti progressive esposti a più riprese, ma non è stato però bravo a consigliare i ragazzi di Landsberg su come plasmare qualche pezzo per renderlo più immediato. Funziona una canzone come "Rejected", nella quale partecipa vocalmente Mätze dei The Sorrow e un altro paio, però è poca roba e l'innovazione è assente, sacrificata all'esporre come sanno suonare e rispettare i cliché del genere.

Voto: 6/10

Alberto Vitale