Mazzarella Press Office

EMP 1

Nuclear Blast 1

Nuclear Blast 4

Athlantis

giovedì 4 ottobre 2012

THE GATHERING - Disclosure

Psychonaut Records
Senza far rumore, con discrezione, prosegue inarrestabile il percorso artistico dei The Gathering, che già avevano ben reagito allo split con la magnifica (in tutti i sensi…) Anneke Van Giersbergen col buon The West Pole. Certo è che un accadimento come quello appena citato avrebbe avvolto nel buio più oscuro qualsiasi altra band, ma il combo olandese s’è distinto nel tempo per intelligenza, classe e temperanza quindi, senza smarrirsi e senza smentire quelle che son sempre state le sue doti migliori, ha scelto con oculatezza chi doveva intascare un eredità abbastanza pesante nella persona di Silje Wergeland, che già aveva dato ampia dimostrazione di essere la persona giusta col lavoro precedentemente citato. Il nuovo Disclosure consolida la sua posizione all’interno della band che, a sua volta, ha ulteriormente modulato il processo compositivo attorno alle peculiarità della nuova singer, più crepuscolare, maliconica, quindi altrettanto suggestiva come chi l’ha preceduta. Le linee vocali, infatti, risultano perfettamente compatibili alla nuova direzione sonora intrapresa, che si è ulteriormente discostata da velleità metal per approdare a lidi più eterei, psichedelici, progressive, dove la fanno da padrone tastiere avvolgenti e linee ritmiche darkwave. Il lavoro si contraddistingue per cinquanta minuti di musica davvero piacevole, ma sempre contrassegnata dal marchio di qualità di un gruppo che non ha mai strizzato l’occhio al mercato, sia nei brani di presa più immediata come l’opener Paper Waves, sia nelle due suites I Can See Four Miles e Heroes For Ghosts, quest’ultima struggente nella prima parte e successivamente graziata da un crescendo ritmico denso di groove, pur mantenendo inalterata una certa delicatezza di fondo. Insomma, Disclosure permette alla band non solo di riprendersi il proprio spazio all’interno della scena, semmai l’avesse in parte perso, ma anche d’imporsi come una delle realtà da seguire con attenzione, una realtà di quelle che non ti deluderanno mai.

Voto: 9/10

Salvatore Mazzarella