Mazzarella Press Office

EMP 1

lunedì 1 ottobre 2012

STEFANO CERATI - Black Sabbath-Masters Of Reality (Dischi, Musica & Testi Dell’Era Ozzy)

Tsunami Edizioni
Dal 2009 ad oggi sono almeno quattro i libri orbitanti attorno al combo di Birmingham che son finiti sugli scaffali delle librerie italiane, comprese le autobiografie di Ozzy Osbourne e Tony Iommi. Eppure, quando questo libro è arrivato tra le nostre mani tramite gli amici di Tsunami Edizioni, visto chi era l’autore lo abbiamo esaminato con avida attenzione… E abbiamo constatato che c’era bisogno di un libro di tal sorta, che non è un di più, anzi risulta indispensabile a chiunque si professi ammiratore della band, per una serie di motivi. Innanzitutto Stefano Cerati è opportunamente italiano, data la presenza della traduzione integrale, nella nostra lingua madre, dei testi dei brani inclusi nella fase discografica presa in esame (1969-1978). Ma questa è solo una parte dei contenuti dell’opera… Inoltre, affermiamo con orgoglio, finalmente l’autore di un opera così interessante è italiano!!! Sì perché, quando si ha a che fare con le grandi band del rock, gli editori italiani più importanti non rischiano ed importano edizioni straniere di una certa rilevanza, dato che le poche volte che è stata tentata una scrittura italiana i risultati son stati abbastanza approssimativi… Non abbiamo finito, no no!!! Nelle loro autobiografie, Ozzy e Iommi non vi hanno raccontato anno per anno, disco per disco, canzone per canzone, cosa poteva esserci dietro alle musiche, alle copertine, ai titoli, ai testi. Quale ne fosse il soggetto, cosa aveva scatenato la loro immaginazione, quali fossero le correlazioni tra i versi e ciò che realmente stava accadendo nelle loro vite, se fosse tutta fantasia o ci fossero dei legami con la realtà esterna che li circondava… Ebbene, tutto questo Stefano, editore e redattore di Rock Hard, ce l’ha raccontato con pignoleria accademica, con la sapienza di chi ha anni di esperienza giornalistica alle spalle ed ha incontrato numerose volte Ozzy Osbourne, Tony Iommi, Geezer Butler e Bill Ward. Con uno stile asciutto ed essenziale, trasmettendoci contenuti tangibili e non inutili voli pindarici di parole. Ma soprattutto, essendo lui stesso un fan della band sin dalla sua adolescenza, ha soddisfatto tante curiosità che spesso c’hanno attanagliato in anni di ascolti. Ci tengo a rimarcare con forza, quindi, la validità di questo testo, la sua piena riuscita e la speranza che sia il primo di una serie di saggi inerenti le band che tutti noi amiamo. Un sentito grazie agli amici di Tsunami Edizioni per la collaborazione con Giornale Metal Blog!

Voto: 9/10

Salvatore Mazzarella