ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

giovedì 20 settembre 2012

SLIPKNOT - Antennas To Hell

RoadRunner Records
Sul finire degli anni novanta, gli Slipknot con la loro musica hanno sconvolto il mondo metal e non solo. Le loro maschere, la formazione a nove componenti, la presenza di campionaori, tastiere, un giradischi, percussioni e chitarre distorte, fu una vera a propria novità in un mondo che viveva un periodo di stanca e che attendeva qualcosa di innovativa. Gli Slipknot rappresentarono la novità ed il loro disco omonimo del 1999, fu un vero e propro successo. Da lì la scia è proseguita, fondamentalmente quel disco qualitativamante non è stato mai appaiato, però lavori come  Iowa, Vol. 3: (The Subliminal Verses) e l'ultimo All Hope Is Gone uscito quattro anni fa, sono sempre stati di buon livello. Il gruppo ha anche subito un grosso trauma nel 2010 con la morte del bassista Paul Gray e fondamentalmente, deve ancora riprendersi del tutto. Così in attesa del nuovo disco, prima annunciato e poi rinviato, ecco arrivare intelligentmente una raccolta che riassume circa tredici anni di Slipknot, ripercorrendo i loro momento più importanti e quelli di maggiore successo. Senza fare troppi giri di parole i loro maggiori successi ci sono tutti, andando a ritroso enunciamo Snuff, Psychosocial, Duality, Left Behind, (Sic) e soprattutto quella Wait And Bleed che fu il primo vero grande successo del gruppo dello Iowa. Il disco contiene anche qualche chicca, come la nuova registrazione di My Plague ed un paio di brani live, estrapolati dal disco dal vivo del 2005 "9.0: Live". In conclusione, se non avete nulla di questa band, questo è il momento giusto per iniziare a conoscerli, perché a loro modo hanno fatto la storia della musica, se invece siete fan accaniti ed avete tutto, non vorrete farvi scappare proprio questa raccolta vero?

Voto: 7,5/10

Maurizio Mazzarella