Mazzarella Press Office

EMP 1

martedì 18 settembre 2012

PRIDE OF LIONS - Immortal

Frontiers Records
Il progetto Pride Of Lions nasce circa dieci anni fa dalla mente di un certo Jim Peterik, noto tastierista dei Survivor. Con il contributo del bravo cantante Toby Hitchcock e di altri musicisti di spessore, nel tempo sono stati prodotto album di grande valore, come l'omonimo del 2003, The Destiny Stone inciso un anno più tardi e The Roaring of Dreams dato alle stampe ben cinque anni or sono. Ora è giunto il momento di tornare con questo pregevole Immortal, un lavoro che non si discosta come contenuti dai suoi predecessori, ma che ci mostra una band molto più compatta e capace di incidere componimenti più scorrevoli e snelli. Il genere quindi se vogliamo è quello di un rock melodico di chiaro stampo americano, che spazia tra l'AOR ed il Rock FM, con i Toto e gli stessi Survivor tra i riferimenti principali, anche se con i Pride Of Lions il buon Jim Peterik sembra voler cercare armonie ispirate ed intense, più leggere e meno rock del solito, dal forte appeal commerciale, ma comunque dai contenuti artistici sempre molto elevato. Il risultato non è certo un album scontato, perché anche se Immortal non presenta alcuna novità da un punto di vista musicale, ha il dono dell'imprevedibilità, supportato da una qualità compositiva scorrevole, nel quale neanche il minimo particolare viene lasciato al caso. Ecco, al centro di Immortal ci sono le canzoni nel vero senso della parola, i ritornelli e tutto ciò che rende un brano degno di questo nome. Per farla breve, se amate la buona musica e volete passare un piccolo arco di tempo in serenità, direi che Immortal può essere la vostra colonna sonora ideale.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella