ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

domenica 30 settembre 2012

PLANTERS PUNCH - Il Taglio Con La Carta

New Idols
E' davvero piacevole ascoltare un disco come quello dei nostrani Planters Punch, perché denota come la scena musicale italiana sia colma di gruppi e musicisti validi, di grandissima qualità e notevole spessore artistico. Il Taglio Con La Carta è un disco che piace sin dalle prime note, che scorre in modo fluido e dinamico dalla prima all'ultima nota, grazie a canzoni intense e soprattutto ispirate, capace di unire l'aspetto melodico e musicale e quello poetico. Siamo nel campo del rock alternativo, nel quale i Planters Punch sembrano chiaramente influenzati da sfumature di tipo americano, ma anche da quel rock nostrano che ha resto grandi tantissimi gruppi tra gli anni ottanta e novanta, ma ciò che balza agli occhi è la loro personalità molto forte, che persegue ad un'identità molto precisa. Siamo di fronte ad un gruppo che ha tutte le carte in regola per arrivare molto in alto. Tutti i pezzi di questo disco hanno forti potenzialità commerciali, dando segnali anche di msuica innovativa. Da un punto di vista tecnico il gruppo si fa rispettare, ma è da quello compositivo che mostra il meglio di se. Exit, Sosa, Di Nuovo Qui, tutti momenti che colpiscono dritto al cuore e che sono capaci di emozionare tra frammenti ipnotizzanti e seducenti, armonie frizzanti e morbide, capaci di trascinare e coinvolgere. Gran merito del valore di Il Taglio Con La Carta, è tutto della cantante Francesca Ulivi, capace di ammaliare ed affascinare con la sua voce profonda e con la sua capacità interpretativa di caratura internazionale. Buona anche la produzione, anche se da questo punto di vista si potrebbe fare qualocosa in più, con un suono migliore e nell'essenza più pulito, la musica dei Planters Punch può davvero sfondare. Perché lo merità.

Voto: 7,5/10

Maurizio Mazzarella