Mazzarella Press Office

EMP 1

Nuclear Blast 1

Nuclear Blast 4

Athlantis

giovedì 13 settembre 2012

KATATONIA - Dead End Kings

Peaceville Records
I Katatonia nel loro percorso artistico hanno tracciato un solco. Fondamentale, importantissimo. Un solco che gli ha consentito di distinguersi dalla massa e di creare un qualcos di proprio e particolarmente identificativo. Nella loro carriera hanno avuto la grande abilità di partire, evolversi in modo coerente, senza mai rinnegare le proprie radici e le proprie origini. Il loro stile è passato dal doom al gothic, passando per il death. Con Dead End Kings (che esce a tre anni di distanza dal precedente Night Is the New Day) può esserci un ritorno alle radici, perché è la matrice doom a regnare, ma non viene rinnegata l'evoluzione, perché il fattore gothic è quella che continua a far girare la ruota. E' il death quello che è ormai stato posto agli archivi, ma questo non significa che c'è stata una rinnegazione, perché il loro stile reste sempre molto complesso, oscuro e crepuscolare, non c'è nessuna strizzata d'occhio verso suoni iper moderni, ma solo sonoritù più accessibili, spesso morbide, che però nascondono una netta complessità di fondo e trasmettono quell'anima depressa che ha sempre caratterizzato la loro musica. Dead End Kings è il loro nono disco in oltre venti anni di carriera. Non rappresenta nessun passo in avanti, ma nemmeno un passo indietro e non è nemmeno un album di trasizione, è semplicemente un lavoro che gli consente di rendere più forte il loro ego e la loro forza di musicisti. Ottimi gli arangiamenti, discreta la produzione, non eccessivamente moderna, ma curata al punto giusto. Da tenere in considerazione.

Voto: 8/10

Maurizio Mazzarella