Mazzarella Press Office

EMP 1

Nuclear Blast 1

Nuclear Blast 4

Athlantis

domenica 16 settembre 2012

EKTOMORF - Black Flag

AFM Records
Gli Ektomorf sono ormai ampiamente noti al grande pubblico. Provenienti dall'Ungheria, sono attivi da ben diciotto anni, nei quali hanno composto ben undici lavori in studio, contando anche l'ultimo The Acustic, che come intuibile è stato un disco composto esclusivamante da soli brani acustici, mentre a livello di inediti, l'ultimo album completo risale Redemption uscito circa due anni fa. Il loro stile fondamentalmente è palesemente ispirato ai Soulfly di Max Cavalera, estrapolando anche molto dei Sepultura dei periodo di Roots. Certo c'è anche molto di loro e questo caratterizza la loro personalità, ma l'influenza del musicista brasiliano è tanto palese quanto evidente allo stesso tempo. Diciamo che il loro è una sorta di mix tra thrash metal, nu metal, rap metal e death metal ed in questa fusione viene una ricetta dai tratti a volte piacevoli ed altri confusi, che danno l'idea che non abbiamo ne una testa ed una coda. Il gruppo però suona bene e si distingue discretamente nell'esecuzione dei brani, anche se da un punto di vista compositivo, dovrebbe migliorare cercando di staccarsi maggiormente dalle influenze primordiali. Non è infatti un caso che le chitarre sembrino davvero quelle dei Soulfly o dei Sepultura ed il modo di cantare di Zoltán Farkas è il medesimo del Max carioca. Ciò non toglie che Black Flag  sia un buon disco, anche completo e certamente superiore ai suoi predecessori. Diciamo che ci sono le premesse per fare un salto di qualità che ancora non è stato compiuto.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella