ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

sabato 15 settembre 2012

BULLET - Full Pull

Nuclear Blast
Personalmente ritengo che non sia sbagliato da parte della Nuclear Blast puntare su band come i Bullet, anche perché gli consente di avere un ventaglio più ampio di generi nel loro insieme di band sotto contratto. Diciamo quindi che i Bullet sono una band diversa dal solito, perché non è un gruppo che va intasare il filone del metal estremo, ma è un normalissima band che spazia tra l'heavy metal classico e l'hard rock più duro e massiccio, spaziando tra quello che può essere lo stile ben noto degli AC/DC ed metallo roccioso di una star teutonica come può essere UDO, anche se fondamentalmente è la prima influenza che ha maggiore predominio, differentemente, sul piano della voce Dag Hell Hofer sempre un clone del cantante tedesco. Detto questo, i Bullet sono un gruppo di spessore e con una propria dignitosa carriera alle spalle. Provenienti dalla Svezia, sono attivi da ben undici anni, nei quali contando anche Full Pull, hanno composto ben quattro dischi e tornano sul mercato ad un anno do distanza dal precedente Highway Pirates. Full Pull non ha la pretesa di scoprire nulla di nuovo, perché innovativo non c'è davvero nulla, ma semplicemente di far vivere ad un proprio ascoltatore una mezzora abbondante di buona musica, fatta di grinta, carisma e sano rock, senza eccessivi preziosismi tecnici, facendo della semplicità e della coerenza il proprio punto di forza maggiore. Full Pull scorre via che è una bellezza e francamente per chi ha vissuto gli hanni d'oro dell'hard rock, è davvero difficile nonf arsi trascinare.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella