Mazzarella Press Office

EMP 1

martedì 18 settembre 2012

BUFFALO GRILLZ - Manzo Criminale

Subsound
E’ questo il metal che ci piace, è questo il metal che fa bene alla scena, è questo l’approccio alla materia da cui molte band troppo seriose dovrebbero prendere esempio… Perché il metal, anche quello più estremo come il grind deve denunciare, far riflettere ma anche far divertire. Meglio ancora se riesce a denunciare in modo sottilmente sottinteso, usando toni apparentemente scanzonati ed una buona dose d’ironia… Tutto questo lo troverete in Manzo Criminale dove già il titolo è una citazione caricaturale abbastanza esplicita, ma se leggete gli altri titoli (una serie di canzonature e citazioni mutuate metal stesso e dal cinema italiano, queste ultime presenti a livello sonoro in qualcuno dei brani) e scatenate l’immaginazione grazie al terribile, in senso buono, artwork che avvolge il cd, capirete quali sono gli intenti dei Buffalo Grillz. E la musica, ehm cioè il rumore ? Per non sbagliare, dipendentemente dai punti di vista di chi piace e di chi non piace il grind, parliamo di suoni e vibrazioni… Tutto perfettamente, anzi chirurgicamente, sotto controllo… La perizia con cui i Buffalo Grillz trapanano casse dello stereo e la rabbia con cui Enrico Giannone (già negli Undertakers) rovescia i suoi ruggiti hanno dello stupefacente, ancor di più se si pensa che la registrazione rende giustizia al lavoro di questi quattro ragazzi, costituendone un vero e proprio valore aggiunto. Mi spiego meglio… a cosa servirebbe spellarsi le mani e scartavetrarsi la gola, se poi la resa deve essere pari al ronzio di una zanzara? Quindi un plauso a Marco Mastrobuono (il chitarrista, già Orange Man Theory), che oltre ad aver composto tutto il materiale ne ha curato la produzione insieme al resto della band. La presenza di alcuni ospiti come Gordo (Ratos De Porao) dietro al microfono in 'Sacro e Scrofano', Kelio (Rotten Sound) dietro al microfono in 'Sermoneta Chain Saw Massacre', Tom (Mumakil) che canta 'Dawson Crick', un'assolo di chitarra da parte di Cristiano (Flesjgod Apocalypse) in 'Forrest Grind' ed un'assolo di sassofono distorto su 'Dimmu Burger' da parte di Luca Mai (Zu e Mombu), che contracambia la comparsata di Marco nei Mombu, fanno di Manzo Criminale un lavoro immancabile nella discoteca, pardon macelleria, di ogni appassionato del genere.

Voto: 8,5/10

Salvatore Mazzarella