ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

giovedì 15 marzo 2012

NECROMASS - Mysteria Mystica Zothryriana/Abyss Calls Life

Funeral Industries
Funeral Industries
Ogni momento è buono per celebrare le gesta di chi ha impresso indelebilmente le proprie orme sul red carpet (ehm…in questo caso dovremmo parlare di black carpet) della scena metal made in Italy. Parliamo dei fiorentini Necromass, uno di quei gruppi assurti allo status di cult band a livello ‘internazionale’ e ritornati alla grande in attività nel Marzo 2011 dopo più di un decennio di silenzio. Reduci dal co-headlining con i Coroner per la seconda edizione del Rock Hard Festival nel Settembre scorso, più o meno nello stesso periodo hanno regalato al pubblico la ristampa su cd dei loro due unici full length pubblicati negli anni ’90. Mossi nel 1992 i primi passi come death metal band, dopo una serie di assestamenti della line up e dopo la pubblicazione di un demo e due 7”, nel 1994 danno alla luce Mysteria Mystica Zothryriana, un lavoro che li consacra come band d’eccellenza della scena black metal in grado di dar lezioni anche a nomi ben più blasonati per l’autorevolezza con cui affrontano la materia, dimostrando non solo di essere in grado di scrivere brani da manuale, ma anche di diversificarli dai soliti clichè inserendo momenti dall’atmosfera fortemente cupa e malsana grazie ad un sapiente utilizzo di chitarre acustiche e tastiere. La ristampa in cd è dotata di un nuovo artwork, con un suggestivo booklet ed una tracklist arricchita dai due 7” His Eyes e Bhoma ed una versione live della title track registrata al Tenax di Firenze nel 1996. Forse stanchi di quello che ormai stava diventando un trend, con estrema intelligenza la band, che tra l’altro vede l’avvicendarsi di Marco Mazzoni con l’attuale axeman John Cordoni, sfrutta le proprie capacità compositive per distaccarsi dal black metal tout court e regalare ai propri ascoltatori un disco ancor più raffinato del precedente, il ‘classico’ Abyss Calls Life, dove le atmosfere fortemente dark sono diluite in composizioni più lunghe e complesse che potremmo tranquillamente definire ai limiti del prog, se consideriamo la classificazione di Jeff Wagner su Mean Deviation (uscito in Italia un mese fa col titolo Prog Metal per i tipi di Tsunami e recensito anche su queste pagine) che include band come Celtic Frost, Pestilence, Mayhem ecc… Anche questa ristampa esce corredata di un bellissimo booklet. Problemi personali hanno portato la band a sciogliersi prima del terzo album ma ora, dopo il suddetto live del RH festival, sono ben presenti tra noi. Nel frattempo non fatevi sfuggire questi due classici del metal made in Italy …e non solo !!!

Voto: 9/10

Salvatore Mazzarella