ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

domenica 25 marzo 2012

EXTREMA RATIO - Extrema Ratio

Autoprodotto

Donato Maiuri (voce e chitarra)e Francesco Giuliano(chitarra) sono pugliesi e innamorati della dark new wave, del new romantic e dell'elettronica. L'amore per questo sound anni '80 viene espresso attraverso il nome Extrema Ratio. L'affinità dei due musicisti ha portato a tenere la band nella forma di un duo, il quale ha confluito le proprie idee in questa omonima e autonoma produzione. "L'iniziale "The Journey" fa impressione per il suo gelido aspetto, redatto con synth, chitarra scheletrica, un basso pulsante ed elettronica percussiva. La voce non è delle migliori, la scelta di come cantare il brano non piace assolutamente, poi però si scopre che è il cantato in inglese a non funzionare in questo lavoro. La curiosa rivisitazione di "Impressioni di Settembre", classico immortale della PFM, rimette il registro vocale al posto giusto. L'incipit elettro-ambient, la sterile elettronica percussiva che accompagna il leggiadro synth che sviluppa il celebre tema dell'immortale classico, risolleva le quotazioni. "Hillary" ricorda i primissimi Depeche Mode e "La Vita, Un Film" è un pezzo dove l'elettronica, un po' alla Talking Heads, fa da tappeto ad un testo intimista e che cerca un perché ("mi spieghi perché la vita che vedo non finisce mai"). "Siberia" è tra i momenti decisamente più interessanti di "Extrema Ratio", il brano funziona dall'inizio alla fine, vuoi per una sua intrinseca semplicità, vuoi per quei suoni profondi e il contrasto con un synth graffiante e roco, ma nella sostanza funziona. "I Live" è tanto minimal, ma con pochi sussulti, mentre "Anime della Notte" riporta alla mente alcuni scenari dei siciliani Dperd. Il pezzo è quello più dark tra tutti e ha una linea vocale che ricorda qualcosa...i Pink Floyd, gli stessi che sovvengono in quell'assolo finale. Essenzialmente la band ha diversi angoli da smussare, nei suoni, soprattutto delle tante tastiere, non sempre collimano tra loro, e sviluppare meglio l'aspetto vocale (ben riuscite le parti in italiano). Gli Extrema Ratio però hanno i loro lati interessanti (nonostante sia un demo si vedono le situazioni personali) e li aspettiamo con piacere al prossimo lavoro per saggiarne la tenuta compositiva.

Voto: 6,5/10

Alberto Vitale