Mazzarella Press Office

EMP 1

giovedì 8 marzo 2012

ELMSFIRE - Thieves Of The Sun

Massacre Records

Sulle scene da oltre dieci anni, i teutonici Elmsfire giungono solo ora al proprio debutto sul mercato discografico con questo Thieves Of The Sun grazie al supporto della label teutonica Massacre Records. In questa sorta di decennio, gli Elmsfire hanno inciso solo tre demo, che gli hanno certamente dato la possibilità di solidificare il proprio stile e la propria attitudine di band. Il loro stile è identificabile in una sorta di heavy metal melodico, contaminato ovviamente di una moltitudine si sfumature power, certamente ricondicibile al classico timbro made in Germany, ma capace di spaziare in cose anche più americante vicine ai Savatage ed ai Circle II Circle, non a caso la voce del cantante Erdmann ricorda in modo palese quella di Zack Stevens. Per quanto riguarda invece le influnze prettamente tedesche, sono i Blind Guardian ed i Gamma Ray i gruppo che più sembrano incidere nello stile degli Elmsfire. Il disco è discreto, certamente non ha nulla di innovativo ed ha di netto quel retrogusto del già sentito al margine, ma nel complesso è un lavoro gradevole, onesto, che si fa apprezzare dalla prima all'aultima note e che scorre via in modo dinamico. I brani hanno la giusta versatilità, l'impatto è discreto e la presa è pressoché immediata, vista la presenza di arrangiamenti non complessi. Tecnicamente gli Elmsfire si fanno rispettare, pur senza esaltare fino all'eccesso, sono dei bravi ed onesti musicisti, ma hanno ancora molta, molta strada da fare. Anche il livello compositivo deve maturare molto. Diciamo però che per essere un esordio, può anche bastare. La produzione è discreta ed anche da questo aspetto, si deve fare di più, ma non chiediamo subito la luna a questa band, diamogli il tempo di crescere, perché anche se ormai hanno diversi anni di carriera alle spalle, questo resta pur sempre il loro primo disco.

Voto: 6,5/10

Maurizio Mazzarella