Mazzarella Press Office

EMP 1

mercoledì 22 febbraio 2012

SONIC STATION - Sonic Station

Frontiers Records

Forse la musica dei Sonic Station non ha nulla di innovativo e si ispira nel complesso ad un genere che negli anni ottanta andava per la maggiore, ma le loro canzoni sono belle e di grande qualità ed è questo il fattore che a conti fatti può fare la differenza. Il progetto nasce in Svezia, una terra molto fertile da un punto di vista musicale ed è stato partorito dalla mente di un chitarrista straordinario come Alexander Kronbrink, che nell’occasione si è fatto affiancare da un folto numero di ospiti scelti appropriatamente per ogni singolo brano. Se quindi all’ascia troviamo l’eclettico artista scandinavo, alla voce si alternano Marika Willstedt, Kristoffer Fogelmark, Magnus Bäcklund e Tove Lo, al basso ci sono Henrik Linder, Erik Metall, Kristofer Sundström, Johan Ivansson, Johan Hansén-Larson, alla batteria Aron Mellergårdh, Thern Pettersson, Niklas Almgren ed infine alle tastiere si alternano Jonathan Fritzén, Marika Willstedt, David Larson e lo stesso Alexander Kronbrink, che si diletta anche nelle backing vocals con Oskar Nilsson e Matilda Bådagård. Il disco è davvero bello, perché contiene musica affascinante ed ipnotizzante. Il progetto Sonic Station si assesta su un rock molto melodico, dai connotati quasi pop, molto attinente al classico stile americano degli anni ottanta, con diverse sfumature AOR in stile Survivor, Toto, Foreigner e Journey, anche se i toni adottati in questo album sono molto più morbidi. Per questo anche se la tecnica è sopraffina, sono le armonie ed il gusto del suono a fare la differenza. La produzione è ottima, la qualità compositiva è da sballo e la tecnica è davvero notevole. Ciò che piace, è però l’intensità e l’ispirazione delle singole canzoni, quindi se il vostro obbiettivo è quello di ascoltare della buona musica in armonia, Sonic Station è di certo quello che fa per voi.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella