ANSA

Mazzarella Press Office

Cerca nel blog

EMP 1

martedì 28 febbraio 2012

JEFF SCOTT SOTO - Damage Control

Frontiers Records

Jeff Scott Soto è il classico personaggio facente parte il mondo del rock, che non ha certamente alcun bisogno di presentazioni. Il suo curriculum parla da solo: Talisman, Malmsteen ed Axel Rudi Pell, sono solo alcuni nomi a cospetto delle sue innumerevoli collaborazioni, l'ultima delle quali, è stata con i W.E.T. nel 2009 e successivamente com guest nel progetto Evolution. Per quanto riguarda invece la sua carriera da solista, l'ultimo disco in studio prima di questo ultimo Damage Control, edito dalla nostrana Frontiers Records, risale al 2008 con la pubblicazione di Beautiful Mess, che a sua volta fu affiancato dalle ristampe di Prism e Lost In The Translation. Da un punto di vista prettamente musicale, Damage Control prosegue lo stesso discorso intrapreso da Soto con il precedente Beautiful Mess, nel complesso infatti lo stile è a dir poco lo stesso. L'ex ugola di Malmsteen, infatti si assesta su un rock dalle tinte hard molto melodiche ed orecchiabili, alternando momenti particolarmente energici, ad atmosfere nettamente più morbide. Ovviamente viene affiancato da musicisti dal talento straordinario, le linee di chitarra sono assolutamente splendide, ma fondamentalmente Damage Control ha il sapore di essere un disco costruito a tavolino, tanto da risultare prevedibile ed a volte scontanto, anche se il suo valore assoluto non si discute, sia chiaro. Diciamo che con questo lavoro in studio Jeff Scott Soto conferma la voglia di puntare ad un pubblico più ampio e non solo prevalentemente incline all'ascolto dell'hard rock. Da un certo punto di vistra Damage Control spazia ed è vario, nel senso che si passa da un AOR in stile Survivor, a sonorità più alternative tipiche dei Nickelback, basta constatare la differenza tra l'opener Give A Little More e Look Inside Your Heart per avere la dimostrazione del concetto appena espresso. E' questo un disco che si lascia acoltare comunque con piacere, pur senza esaltare e giova di una prodiuzione certamente appropriata ai contenuti complessivi di Damege Control.

Voto: 7/10

Maurizio Mazzarella